Veronica Panarello, la difesa: «Ecco l’arma del delitto»

Il legale di Veronica Panarello, l’avvocato Francesco Villardita, si dice sicuro: «La consulenza medico-legale ribalta la questione»

C’è stata una seduta breve ieri mattina per il processo a carico di Veronica Panarello, la donna accusata di aver ucciso il proprio figlio, il piccolo Loris Stival, la mattina del 29 novembre 2014. La Panarello deve rispondere anche alle accuse di occultamento di cadavere e con il rito abbreviato, in caso sia dimostrata la colpevolezza, rischia fino a 30 anni di carcere.




avvocato villarditaIeri tuttavia la difesa di Veronica Panarello, rappresentata dall’avvocato Francesco Villardita, è tornata a dare battaglia sulla questione dell’arma del delitto. Secondo i legali della difesa il piccolo Loris Stival non sarebbe stato ucciso con delle fascette, come ipotizzato dall’accusa, ma con un cavo USB.




caso lorisRaggiunto dai microfoni del Corriere del Mezzogiorno l’avvocato Francesco Villardita ha spiegato che «la consulenza medico-legale che abbiamo depositato ribalta in maniera definitiva la questione dell’arma del delitto». L’avvocato ha poi specificato: «Abbiamo una consulenza medico legale e una bioingegneristica che dimostra la compatibilità del cavo usb con il solco lasciato sul collo del bambino accompagnata da fotografie e da indagini con manichini biomedici».




l'avvocato villarditaIl legale di Veronica Panarello ha poi auspicato un confronto all’americana tra la sua assistita e il suocero Andrea Stival, accusato proprio dalla Panarello di aver strangolato il piccolo Loris: «Dalla perizia appare che la signora Panarello è capace di intendere e di volere, confidiamo che il giudice possa concedere il confronto tanto voluto dalla signora, un confronto all’americana tra tesi contrapposte alla presenza anche dei periti che hanno redatto la perizia psichiatrica sulla capacità di intendere e di volere».

La perizia quindi potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio per l’accusa. Veronica Panarello ha richiesto un’udienza per delle dichiarazioni spontanee, che si terrà il 26 settembre prossimo. Le successive udienze sono già state fissate: saranno il 3, il 5 e il 7 ottobre.

 

articolo di Nicola Guarneri

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

Veronica Panarello, la difesa: «Ecco l’arma del delitto» ultima modifica: 2016-07-19T11:12:59+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!