Tutti i dettagli della supertestimone: «Ho visto Yara con Bossetti»

Una casalinga nel 2010 avrebbe visto Massimo Bossetti in macchina con Yara Gambirasio: ecco tutti i particolari sull’udienza tenutasi questa mattina

 




 

yara gambirasioÈ Alma Azzolin, casalinga di Trescore Balneario, comune in provincia di Bergamo, l’ ultima superteste ascoltata stamane dalla Corte d’Assise in merito al processo a carico di Massimo Bossetti per l’omicidio di Yara Gambirasio. E potrebbe essere la sua testimonianza a far compiere una svolta inaspettata alle indagini sulla misteriosa uccisione della ragazzina, scomparsa il 26 novembre 2010 e ritrovata morta solamente tre mesi più tardi, il 26 febbraio 2011 in un campo a Chignolo d’Isola.

La Azzolin ha infatti affermato di fronte ai giudici di aver visto Massimo Bossetti insieme a una ragazzina a bordo di una station wagon grigia nel parcheggio del cimitero di Brembate di Sopra (Bergamo) in un periodo presumibilmente compreso «da dopo Ferragosto ai primi di settembre del 2010, prima dell’inizio delle scuole».

 

 

furgone bossetti-k0fH--640x360@Corriere-Web-BergamoInoltre, la casalinga di Trescore Balneario ha aggiunto di aver riconosciuto Bossetti «dallo sguardo quasi spiritato» e dagli «occhi azzurri chiarissimi, che sembravano quasi bianchi, come quelli di una volpe». L’uomo infatti, in occasione di quell’incontro, l’avrebbe «fissata con forte intensità». La ragazzina all’interno della station wagon, secondo la donna, sarebbe stata proprio Yara Gambirasio: pur non ricordando dettagliatamente i tratti del viso dell’adolescente, la Azzolin ricorda però «il particolare dell’apparecchio». La donna, successivamente, ha chiarito le circostanze dell’incontro con l’uomo identificabile con Bossetti e la ragazzina in sua compagnia. «Accompagnavo tutti i martedì e i giovedì mattina mia figlia agli allenamenti della sua squadra di ciclismo», che avevano il via proprio dal centro sportivo di Brembate di Sopra.

 




 

 

«Una mattina avevo bisogno di andare in bagno e sapevo che nel parcheggio del cimitero c’era un cassone. Quando ho posteggiato è arrivata anche una station wagon grigia che si è posizionata davanti a me». Proprio in questa occasione la donna avrebbe visto chiaramente il volto dell’uomo alla guida. «Aveva occhi chiarissimi e mi ha fissato con insistenza», poi «ha fatto un giro con la sua macchina ed è andato a piazzarsi vicino alla siepe che delimita il parcheggio».

 

massimo bossettiSuccessivamente, la Azzolin sarebbe uscita dall’auto ed entrata nel cimitero per utilizzare la toilette, potendo così vedere l’adolescente. «Proprio in quel momento è arrivata una ragazza che avrà avuto 13, 14 o 15 anni e indossava una maglietta rosa scuro, salmone scuro e aveva le gambe scoperte, ma non ricordo che pantaloncini avesse». La testimone ha inoltre aggiunto: «La ragazza aveva i capelli lunghi, mossi: è arrivata correndo e si vedevano ondeggiare. E poi è salita in auto».

La casalinga sessantenne spiega così la volontà di testimoniare di fronte ai giudici dopo più di cinque anni dall’apertura del caso: «Quando Bossetti è stato arrestato guardavo le foto e mi dicevo: questa persona l’ho già vista da qualche parte. Ma non riuscivo a capire dove, né chi fosse. Poi durante una trasmissione televisiva sul caso di Yara Gambirasio hanno mostrato le immagini dall’alto del parcheggio davanti al cimitero e mi è venuta in mente quella scena».

D’altro canto, gli avvocati Salvagni e Camporini, difensori di Massimo Bossetti, dopo aver esaminato le affermazioni di Alma Azzolini, hanno assicurato di poter dimostrare che Bossetti quel giorno non si trovasse al cimitero di Brembate, come raccontato dalla testimone. Partendo dal presupposto che la donna accompagnava la figlia agli allenamenti il martedì e il giovedì in un periodo tra metà agosto e l’inizio dell’anno scolastico, secondo i difensori l’unico giorno che può essere preso in considerazione è il 9 settembre. «Possiamo dimostrare» hanno spiegato i legali, «che in tutti i martedì e i giovedì di quel periodo Bossetti si trovava a pranzo lontano. E possiamo anche dimostrare che non c’era neanche il 9 settembre 2010».

 

di Gianmarco Soldi

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter

 




 

Tutti i dettagli della supertestimone: «Ho visto Yara con Bossetti» ultima modifica: 2016-02-24T16:09:20+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!