Turismo sessuale, una piaga a danno dei minori

Il turismo sessuale è in pericoloso aumento: una vacanza per occidentali insoddisfatti alla ricerca di bambini da abusare

Brasile.Che cosa è il turismo sessuale minorile? È una delle piaghe moderne che colpisce bambine e bambini residenti in realtà povere e problematiche del mondo in cui vengono usati e abusati sessualmente da uomini per lo più occidentali, figli di papà, sposati con famiglia, pedofili o predatori all’occorrenza che organizzano viaggi costosi allo scopo di fare una vacanza a caccia di minori. Ma frequentemente, anche senza spostarsi, molti minori stranieri non accompagnati che fuggono dai loro paesi, col sogno di una vita senza il pericolo della guerra o delle epidemie, vengono trafficati da uomini senza scrupoli, portati nei paesi dell’Occidente, scomparendo per sempre, perché inghiottiti nella terribile tratta di esseri umani per poi essere sfruttati sessualmente nelle nostre strade, nelle nostre città. E di loro non si sa più nulla. Povere creature lasciate, dimenticate e mai trovate. Di quei bambini, tra i 10.000 e i 12.000 si trovano in Italia.

00 (2)Diversa è la situazione dei bambini residenti nelle zone dove il turismo sessuale di minori è diffuso. Qui tutti sanno e vedono, ma nessuno fa qualcosa per migliorare la vita di questi piccoli, costretti a prostituirsi e a vendere la propria verginità per pochi soldi. Si stima che siano più di 3 milioni i turisti che ogni anno partono in cerca di sesso. Di questi ben 80.000 parlano italiano, raggiungendo così un podio di cui l’Italia non dovrebbe andarne fiera. Fa spavento, infatti, ricercare “turismo sessuale con minori” e scoprire quanti siti internet italiani diano informazioni su come e dove andare per trovare bambini da abusare con il consenso delle loro famiglie, perché unica fonte di reddito. Perché dietro tutto ciò ci sono persone e nazioni intere che facilitano questo che è un reato (in Italia è stata introdotta la L. 269/98) e lo tengono sempre vivo e fiorente, mai prevenuto e debellato. Il turismo sessuale, secondo i dati dell’Osservatorio per il contrasto della pedofilia e pornografia minorile, è il terzo traffico illegale, dopo droga e armi, con un volume d’affari che si aggira intorno agli 80-100 miliardi di dollari. Il fenomeno è cresciuto nel tempo per varie cause: il maggior impoverimento dei Paesi del Sud del mondo, l’aumento del turismo di massa, la ricerca dell’edonismo sfrenato e senza ritegno e della modernità caratterizzata da bisogni sessuali depravati insoddisfatti.

Cambogia.Le vittime del turismo sessuale hanno per il 60% tra i 13 e i 17 anni, per il 30% dai 7 ai 12 anni, per il 10% da 0 a 6 anni. Il 75% dei minori coinvolti sono femmine. Tra le destinazioni più gettonate abbiamo il Brasile, il Nepal, il Bangladesh, la Colombia, l’Ucraina, la Bulgaria, la Thailandia. Secondo i dati di ECPAT, organizzazione internazionale che nasce e lotta contro lo sfruttamento minorile, la prima meta del turismo sessuale femminile è, invece, l’Europa meridionale, principalmente Italia, ex-Jugoslavia, Turchia, Grecia e Spagna, e poi i Caraibi, parte dell’Africa e le Filippine. Il turismo sessuale con minori è difficile da sconfiggere e comporta conseguenze orribili: la diffusione di malattie sessualmente trasmissibili, il traffico delle adozioni dei figli nati da questi rapporti pedofili e una percentuale molto alta di suicidi tra i minori abusati. Tutto questo dovrebbe colpire e spingere a fare qualcosa e non dovrebbe far rimanere indifferenti i governi e la politica locale ed estera. Ma purtroppo la realtà è un’altra. E le azioni a sfavore dello sviluppo di questo fenomeno scarseggiano. Molto si deve fare ancora.

articolo di Nicoletta Calizia

 


L’IDENTIKIT DEL TURISTA SESSUALE MINORILE


Un termine molto usato per i responsabili di abusi sessuali su bambini è “pedofilo”. “Pedofilia” è un termine clinico utilizzato per connotare quegli adulti che sono in primo luogo sessualmente attratti da bambini in età pre-puberale. Ma solo una percentuale molto piccola di coloro che fanno turismo sessuale sono pedofili.

Gli autori provengono da tutti gli strati della popolazione. Possono trovarsi in ogni paese, in ogni professione e di ogni religione. Possono essere eterosessuali o omosessuali, sposati o celibi, stranieri o del luogo. Anche se la maggior parte degli autori è di sesso maschile, ci sono anche autori di sesso femminile. Secondo ECPAT, ci sono tre diverse categorie di turisti del sesso con minore: autori situazionali, autori preferenziali e pedofili.

turismo sessualeI turisti situazionali sono di solito uomini che usano un bambino per il sesso e quest’ultimo viene messo a disposizione per loro, attraverso la prostituzione o all’interno della famiglia stessa. Il pedofilo situazionale di solito non ha una preferenza sessuale specifica per i bambini; abusa di bambini da dodici anni in poi, bambini che hanno già raggiunto la pubertà; è generalmente considerato come opportunista e indiscriminato. Autori preferenziali sono persone che cercano consapevolmente contatti sessuali con bambini. Essi possono ancora avere la capacità di provare attrazione sessuale per gli adulti, ma saranno attivamente alla ricerca di minori per avere rapporti sessuali. In genere si concentrano su adolescenti come partner o oggetti sessuali. I pedofili sono adulti principalmente attratti sessualmente da bambini pre-puberi e fanno spesso foto dei loro abusi sessuali. Molte volte fanno parte di una rete all’interno della quale condividono immagini e informazioni su dove e come sfruttare i bambini. La maggior parte di chi commette abusi sessuali su minori sono abusanti situazionali, ma la maggior parte dei turisti sessuali che vengono arrestati sono preferenziali o pedofili. Questo perché consapevolmente cercano contatti sessuali con minori, spesso conservano le immagini degli abusi e le scambiano con la rete di pedofili. Molti turisti sessuali spesso vengono scoperti dalla Polizia proprio attraverso le indagini nell’ambito della pornografia infantile.

 

articolo di Nicoletta Calizia

Vuoi leggere il numero completo di Cronaca&Dossier da cui l’articolo sul turismo sessuale è tratto? Clicca qui, oppure sfoglialo qui sotto. È gratis!

Turismo sessuale, una piaga a danno dei minori ultima modifica: 2015-09-21T14:16:37+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!