Tony Drago «ulteriori 6 mesi di indagini per fare chiarezza»

Dopo la recente archiviazione respinta dal Gip, a Cronaca&Dossier la sorella di Tony Drago parla della prossime iniziative sul caso

Antonino Drago con la madre
Antonino Drago con la madre

Non è ancora il momento di scrivere la parola fine sul caso di Tony Drago, il 25 militare di Siracusa trovato senza vita nella caserma capitolina dei Lancieri di Montebello nella notte tra il 5 e il 6 luglio 2014. Nonostante secondo gli inquirenti battano da quasi due anni la pista del suicidio, il gip Angela Gerardi ha respinto la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Roma, dando ulteriori speranze alla famiglia di Tony Drago, che non ha mai creduto al fatto che il militare si sarebbe tolto la vita. Nella decisione del Gip sono stati decisivi gli strani segni trovati sulla schiena di Drago, descritti come «ampia lesione escoriata estesa a tutta la superficie cutanea di forma irregolare e delle dimensioni di cm 45 x 10», non compatibili con la caduta.




Antonino DragoAnche la traiettoria di caduta del cadavere lascia perplessi. Sull’argomento si è espresso il legale della famiglia Drago, l’avvocato Dario Riccioli, che attraverso i microfoni della trasmissione La Storia Oscura, condotta da Fabio Camillacci su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano, ha spiegato: «La nostra tesi è chiara non è possibile che Antonino Drago si sia lanciato dalla finestra dalla caserma, perchè quel tipo di lancio è incompatibili con qualunque tipo di lancio effettuabile da una persona normale, che non sia un supereroe della Marvel. Abbiamo dimostrato, al di là di ogni ragionevole dubbio, che da un’altezza di 10 metri e 60cm è impossibile raggiungere una distanza dalla palazzina di 5 metri e 83. Abbiamo simulato il lancio da un’altezza di 10 metri e 60cm in piscina e il nostro tuffatore professionista ha raggiunto una distanza massima di 3 metri e 68, ben inferiore a 5 metri e 83. Sono emerse anche altre stranezze… Innanzitutto nei bagni in disuso è stata trovata una sedia sulla parte sinistra del davanzale della finestra, sono stati rinvenuti dei mozziconi di sigaretta della stessa marca di quelle che fumava Antonino Drago. La finestra ha un’altezza massima di 1 metro e 71. La sedia è sul lato sinistro del davanzale, il cadavere è stato trovato tutto a destra, a una distanza di 1 metro e 91cm dalla perpendicolare della finestra e con una rotazione rispetto alla finestra stessa di circa 80 gradi in senso antiorario. E’ un lancio che è impossibile fare da quella finestra. Quella distanza si sarebbe potuta raggiungere se il lanciatore avesse raggiunto una velocità di crociera di 12km/h, cosa impossibile perchè nel momento in cui utilizzi la sedia come punto d’appoggio per effettuare il lancio, nel momento in cui poggi la gamba scarichi tutta l’energia cinetica sulla sedia e quindi parti da una velocità pari a zero. Ci domandiamo per quale motivo qualcuno si è preoccupato di simulare un suicidio in questo modo. Chi aveva interesse a farlo?».




antonino dragoRaggiunta per conto di Cronaca&Dossier dalla giornalista Paola Pagliari, la sorella di Tony Drago si è detta fiduciosa sul proseguimento delle indagini. «Il Gip ha disposto ulteriori 6 mesi di indagini, dando indicazioni al pn su come procedere. Probabilmente analizzeranno nuovamente le perizie tecniche e medico legali perché qualcosa non torna, noi restiamo fiduciosi». È importante che non cali il silenzio sulla vicenda: «Noi ci stiamo impegnando perché esca la verità. Chi l’ha visto? continuerà ad occuparsi del caso mentre io e mamma saremo ospiti del prof Charlie Barnao, all’Università di Sociologia di Catanzaro, il 19 e 20 aprile. Sono contenta di come è andato l’incontro davanti al tribunale: oltre alle buone notizie riguardo la non archiviazione è servito a ricompattare gli amici e membri del comitato. Siamo tutti convinti che Tony non si sia suicidato».




articolo di Nicola Guarneri

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

Tony Drago «ulteriori 6 mesi di indagini per fare chiarezza» ultima modifica: 2016-04-18T11:16:38+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!