Sessualità e disabilità: educare famiglie e operatori su questo tema

Preconcetti e riflessioni sull’affettività nella disabilità intellettiva; l’importanza di una corretta educazione alla sessualità.

barrier-77491_640Nel corso degli ultimi anni le famiglie, i servizi e le stesse persone con disabilità hanno acquisito una sempre maggiore consapevolezza della sessualità e delle problematiche culturali, etiche, affettive e relazionali ad essa correlate.

Tuttavia appare tuttora evidente che a fronte di conoscenze teoriche sul piano della vita quotidiana e del sostegno alla effettiva realizzazione di una propria vita affettiva e della propria sessualità, le persone con disabilità in generale, soffrono una condizione esistenziale di pesante limitazione.

Difatti, ancora oggi le persone con disabilità ed in modo particolare con quella intellettiva,  rimangono drammaticamente discriminate per quanto riguarda l’accesso alle relazioni di intimità, compreso l’esercizio fisico della sessualità.

La convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle Persone con Disabilità, approvata nel 2006 e successivamente ratificata in Italia riconosce ripetutamente in diversi articoli, a livello di obblighi generali, di diritto alla casa ed alla famiglia, di diritto alla vita, di libertà, di inclusione, di vita indipendente, di educazione e di salute, la necessità di non discriminare le persone con disabilità per quanto riguarda il pieno godimento dei propri diritti, definendo una base etico giuridica agli interventi che sostengono l’educazione e la tutela della sessualità umana anche per le persone disabili.

Come si presenta la sessualità nelle persone con disabilità intellettiva? Con quali comportamenti e contenuti si manifesta? Quali desideri esprime e comunica? E che cosa pensa di essa la famiglia del disabile? Affrontare questo tema significa soprattutto parlare della persona nella sua totalità, eliminando quello che prima era una sorta di tabù. La sessualità era relegata alle persone cosiddette normodotate, mentre oggi questo argomento per quanto ancora delicato e spinoso sappiamo che è un bisogno di ogni essere umano.

A tal proposito, si sta parlando di un “Disegno di legge” sull’assistenza sessuale ai disabili. Facciamo ben attenzione, perché non si tratta di prostituzione, ma di una vera e propria forma di volontariato. In altri paesi dell’Europa è già attiva e si devono fare addirittura dei corsi.

Attualmente comunque c’è anche uno squilibrio tra sessualità maschile e quella femminile.

sessualità e handicappatiSu questa materia se ne parla in Italia da più di 35 anni, da quando uscì un libro nel 1978 dal titolo “Sessualità e handicappati” e da quel giorno, tantissimi testi, articoli, convegni sono stati fatti con approfondimenti sul tema. Che resta tutt’oggi ancora molto complesso.

Per una migliore consapevolezza e comprensione agli addetti ai lavori, ma anche ai familiari, è stato girato nel 2007 un cortometraggio, tratto dal libro: “Cinquanta di questi giorni”. La produzione di questo DVD ha coinvolto molte persone: esponenti del mondo del sociale, psicologi, associazioni impegnate nel diritto alla sessualità del disabile intellettivo. Al suo interno 3 le storie, tra cui per esempio quella di due ragazzi con sindrome di Down che hanno interpretato il ruolo di coppia.

Uno degli scogli più alti, è il pregiudizio e la negazione in famiglia della sessualità e lo stesso avviene anche nella comunità, dove manca la formazione e la comunicazione.

Occorre creare consapevolezza e informare il più possibile, per quanto il campo sia molto delicato, non possiamo far finta che non esista voltandoci dall’altro lato. Promuovere per esempio scambi di esperienza tra famiglie sarebbe utile.

La cosa più importante a mio avviso, sarebbe quella di chiedere alla persona disabile che cosa vuole, di che cosa ha bisogno, riconoscendo in lui la soggettività e la capacità di scegliere, valorizzando il diritto ad avere una propria sessualità.

 

articolo di Dora Millaci

Vuoi leggere il numero di giugno 2014 di Cronaca&Dossier da cui l’articolo su sessualità e disabilità è tratto? Clicca qui, oppure sfoglialo gratuitamente qui sotto.

Sessualità e disabilità: educare famiglie e operatori su questo tema ultima modifica: 2015-08-05T17:09:13+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!