Saint Vincent, quei misteri e delitti eccellenti legati al Casinò

Ora anche la Procura di Milano indaga sugli affari al Casinò di Saint Vincent e si profila una pista che legherebbe delitti eccellenti e depistaggi


saint vincentSaint Vincent potrebbe essere molto di più che un “semplice” Casinò meta di accaniti giocatori. Ci sono persone che hanno sì perso il sonno, ma per ragioni che guardano a mondi lontani che solo oggi riusciamo più facilmente a scorgere. I mondi di Saint Vincent si racchiuderebbero in «filo rosso». A proferirlo è l’avvocato Fabio Repici, legale della famiglia di Bruno Caccia, l’ex procuratore assassinato nel 1983. Secondo il legale, il Casinò di Saint Vincent sarebbe dietro due fatti eccellenti: dall’attentato a Giovanni Selis (pretore di Aosta) nel 1982 alla morte di Bruno Caccia. Per quest’ultimo delitto è già stato condannato Domenico Belfiore, boss della ‘ndrangheta e riconosciuto come il mandante del delitto avvenuto il 26 giugno. All’inizio erano state accusate del delitto le Brigate Rosse, salvo poi scoprire la verità. Ma da Saint Vincent quella verità potrebbe mutare, stavolta per sempre, grazie alle indagini avviate dalla Procura di Milano sulla base della controinchiesta formulata dall’avvocato Repici.

Bruno Caccia
Bruno Caccia

«L’accusa a Belfiore – ha ribadito Repici durante Saint Vincent Cultura a fine ottobre  ̶  si basava sulle dichiarazioni di Francesco Miano, del Clan dei Catanesi, operativo a Torino, diventato collaboratore di giustizia. Prima anomalia: il SISDE incaricò Miano di investigare, microregistratore alla mano, all’interno del centro clinico del carcere. Abbiamo così il primo e unico pentito del SISDE, che svolge operazioni di autorità giudiziaria, uno scandalo contro il quale non si è levata neanche una voce». Pian piano dalle parole dell’avvocato emerge la tesi che avrebbe portato Bruno Caccia alla morte:  «Studiando le carte del processo – ha spiegato l’avvocato – ci siamo chiesti di cosa si occupasse Caccia appena prima di essere ucciso: del Casinò di Saint Vincent. A maggio, poco più di un mese prima dell’omicidio, la procura di Torino aveva emesso i decreti di perquisizione che hanno portato al sequestro dei conti correnti sia dell’amministrazione della casa da gioco che dei singoli amministratori. Tre i dirigenti al centro delle indagini: Bruno Masi, Paolo Giovannini, Franco Chamonal». La documentazione porterebbe a Rosario Cattafi (boss di Barcellona Pozzo di Gotto e oggi in carcere in regime di 41 bis), scenario di un altro delitto, quello di Beppe Alfano. Spunta così un secondo nome, quello del pretore Giovanni Selis, un anno prima della morte di Caccia oggetto di un attentato ma senza restarne vittima.  «Studiando le carte di Selis –  ha asserito l’avvocato Repici – è emersa una sorpresa: quando ci furono arresti a Saint Vincent, Campione e Sanremo, fu coinvolto anche l’avvocato Valentini, che in un caso minacciò fisicamente Selis affinché archiviasse dei procedimenti contro un cambista, e vennero sequestrati dei documenti: delle conversazioni tra Valentini e Bruno Masi, Amministratore delegato della Sitav, società che aveva la gestione della Casa da gioco di Saint Vincent. Valentini comunicava di avere ricevuto la visita di Rosario Cattafi, il quale asseriva di avere ricevuto da Masi stesso un’autorizzazione per l’ingresso e il prestito di denaro, in cambio di un imprecisato favore. Il pm Carnevali, che indagò sull’attentato a Selis, raccolse i registri degli alberghi di Saint Vincent: la riviera delle Alpi vantava una presenza mafiosa superiore a Bagheria o Brancaccio».   
Insomma, dietro i fatti criminosi legati al Casinò di Saint Vincent si nasconderebbe una più vasta “operazione mafiosa” per compiere vere e proprie scalate ai principali Casinò italiani. Per ora resta solo un’ipotesi, sebbene suffragata dalla documentazione indicata dall’avvocato, ma le ultime indagini della Procura di Milano potrebbero svelare molto di più nell’intreccio tra mafia e affari, da sempre origine di tutti i mali.
(fonte Aosta Sera)

Saint Vincent, quei misteri e delitti eccellenti legati al Casinò ultima modifica: 2015-11-03T16:04:26+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!