Rudy Guede, la revisione potrebbe diventare un boomerang?

Lo ha annuncio solennemente in questi giorni l’avvocato Pietrocarlo: Rudy Guede, unico colpevole condannato in via definitiva per l’omicidio di Meredith Kercher, chiederà la revisione del processo

L’annuncio del legale di Rudy Guere, che sta scontando la sua pena nel carcere di Viterbo, è arrivato in contemporanea con la concessione di un permesso premio e che ha scatenato non poche polemiche. Una pena che finirebbe nel 2024. Il condizionale a questo punto è d’obbligo perché la revisione proposta alla Corte d’Appello di Firenze entro luglio potrebbe nel caso fosse accettata aprire scenari nuovi, sorprendenti.

meredith kercherRudy Guede è stato condannato con rito abbreviato a 16 anni (dopo una condanna a 30 anni in primo grado) per omicidio in concorso e la spiegazione che ha dato l’avvocato Pietrocarlo in un’intervista recente all’ANSA è semplice: «La sentenza d’appello per Guede presuppone un concorso con altri due. Se li eliminiamo (data l’assoluzione definitiva per Amanda Knox e Raffaele Sollecito) come è giusto sia, non regge più, non si spiega il ruolo del nostro assistito. È pacifico che Rudy non è l’esecutore materiale del delitto. E quale è l’arma se la Cassazione ha stabilito che non c’entra il coltello indicato dall’accusa, facendone carta straccia?»




meredith_kercherUna mossa imprevista, che ha sorpreso anche la famiglia di Meredith ma certamente legittima, seppur considerando che non è affatto automatica l’ammissibilità della Corte d’Appello in quanto l’ordinamento italiano, a differenza di quello di alcuni paesi anglosassoni, consente di mantenere la pena “in concorso” anche se poi le accuse dei presunti “correi” dell’omicidio risultassero innocenti.




processo meredithRichiesta legittima ma che, riavvolgendo il nastro indietro di questo orribile omicidio, estremamente rischiosa. Sulla scena del crimine infatti, le uniche tracce biologiche sono tutte riconducibili al giovane ivoriano, che ha raccontato dal momento dell’arresto fino al processo diverse versioni riguardo a quella notte di Halloween del 2007, ma che di fondo tornano tutte al fatto che lui è arrivato sulla scena soltanto quando ormai Meredith era agonizzante. Due figure ha detto anche di aver visto fuggire, una riconducibile ad Amanda e l’altra ad un “biondino” che per deduzione logica era stato indicato in Raffaele Sollecito, almeno fino all’ultima sentenza della Cassazione che ha invece scagionato entrambi.




Raffaele Sollecito Meredith KercherEppure, le sue tracce sono evidenti nel bagno e anche sul corpo della vittima, oltre alle sue impronte lasciate con il sangue di Meredith contro il muro. Questi due elementi soprattutto lo hanno inchiodato come partecipante attivo all’omicidio. La spiegazione che Rudy Guede ha lasciato proprio riguardo a quell’impronta è stata ritenuta dalla Corte che lo ha giudicato al limite del paradossale, avendo affermato di aver tentato di scrivere un nome che la ragazza in fin di vita le stava dicendo: «Ho pensato di scriverlo sul muro utilizzando il sangue di Meredith». Tracce di Raffaele non ne sono state trovate e anche quella microtraccia sul gancetto di un reggiseno è stata ritenuta non acquisibile; le tracce di Amanda ci sono ma certo non può ritenersi una sorpresa dal momento che la ragazza americana divideva quell’appartamento con Meredith. «È evidente l’assoluta mancanza di tracce biologiche riferibili a Sollecito e alla Knox nella stanza dell’omicidio e sul corpo della vittima, mentre si rilevano sul luogo del delitto e sul corpo di Meredith numerose tracce riferibili al Guede».

rudy guedeCosì recitano le motivazioni di assoluzione, che nel caso di una revisione del processo potrebbero costituire un elemento di forte accusa verso il richiedente più che di discolpa. E stando a queste tracce evidenti, al racconto di Rudy che la Corte giudicante ha definito «contraddittorio e inattendibile» questa richiesta potrebbe tramutarsi in un clamoroso boomerang giudiziario, facendo cadere per paradosso quella correità definita nella sentenza e che potrebbe lasciare solo, con la povera Meredith, il giovane Rudy.

 

articolo di Mauro Valentini

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

Rudy Guede, la revisione potrebbe diventare un boomerang? ultima modifica: 2016-07-12T16:06:38+00:00 da info@cronacaedossier.it

One thought on “Rudy Guede, la revisione potrebbe diventare un boomerang?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!