Roberta Ragusa, sospetti su lembi di “busta” nel boschetto

La presunta testimone del caso Roberta Ragusa innesca la polemica: per Chi l’ha visto? è un millantatore mentre il Corriere della Sera parla di superteste

 




 

caso RagusaNegli ultimi giorni il caso Roberta Ragusa ha subito un’interessante accelerata dopo la segnalazione di un punto in un boschetto dove il corpo della donna potrebbe essere sepolta. La lettera nelle mani degli inquirenti, corredata da fotografie e indicazioni precise, potrebbe rivelarsi più di un semplice scritto da parte di un mitomane, come millantato da molti, i quali spesso intervengono indebitamente nei casi di cronaca nera. Il giornalista Fabrizio Peronaci che segue il caso per il Corriere della Sera, dopo avere rivelato l’esistenza della predetta lettera, aggiunge particolari interessanti. Fa sapere che dal terreno indicato nelle fotografie in mano ai Carabinieri si vedrebbero «due lembi di una grossa busta di plastica, trasparente, gravemente danneggiata».

 

 
boscoLa domanda posta dal giornalista è se quei lembi di busta siano indicativi di un contenitore adatto a custodire il corpo di Roberta Ragusa. Per ora è solo un’ipotesi lanciata molto in là considerando che ancora nessuno scavo è avvenuto, né vi sarebbero altri elementi indicativi. Lo stesso giornalista Peronaci è intervenuto polemicamente sulla scelta della trasmissione Chi l’ha visto? andata in onda ieri sera sul caso Roberta Ragusa. La nota trasmissione di Rai Tre  ha bollato come opera di un millantatore l’ultima novità in merito. La stessa conduttrice Federica Sciarelli ha precisato ad inizio trasmissione: «In realtà questo file non sarebbe arrivato ai carabinieri. E chi ha mandato questa lettera sarebbe in realtà un millantatore». Dalla sua pagina Facebook, Fabrizio Peronaci ha sentito l’esigenza di rispondere ai lettori che hanno chiesto conto della presunta testimone.

 




 

sciarelli
Federica Sciarelli

Il giornalista ha risposto con un post dal titolo “La supertestimone esiste” e scrivendo: «Ai tanti che mi chiedono per quale motivo la trasmissione Chi l’ha visto? non abbia informato i telespettatori della presenza di una testimone, residente in loco, che ha riferito di aver notato dei “movimenti sospetti” nel boschetto vicino la stazione di San Giuliano Terme, nel quale la stessa signora è convinta sia sepolta Roberta Ragusa, rispondo che (ferma restando la stima per i colleghi Rai), un grande giornale indipendente non accetta di fornire ai lettori versioni dimezzate. Una testata autorevole ed autonoma ha il coraggio e la forza di raccontare tutto fino in fondo. In questo caso la notizia consisteva nella segnalazione inviata da una fonte confidenziale (della quale il programma ha parlato, evidenziandone le presunte ombre) sulla entrata in scena di una seconda persona, testimone diretta, dal profilo credibile e incontestabile (di cui non è stato fatto cenno), il cui racconto potrebbe imprimere una svolta al mistero. Questa persona, S., sulla quarantina, di San Giuliano Terme, ha indicato il punto esatto nel boschetto nel quale sarebbe sepolta Roberta Ragusa. Di più: ha mostrato di sapere altri dettagli utili e a forte valenza indiziaria. Ha indicato un “reperto” di plastica, che spunta dal terreno, che potrebbe contenere tracce del dna di Roberta. Fa il nome, infine, di una persona da lei vista sul posto. Le notizie sono queste. Tutte, nessuna esclusa. Importanti e da non omettere a lettori e/o telespettatori, per dare giustizia alla povera Roberta. E anche per evitare che l’Italia scivoli ancor più giù, come segnala un dossier odierno, nella classifica dei Paesi a limitata libertà di informazione».

Insomma l’affaire del presunto testimone sta diventando un vero e proprio “caso”, mistero nel mistero per giungere alla verità sulla scomparsa di Roberta Ragusa.

 

articolo di Andrea B.

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram



Roberta Ragusa, sospetti su lembi di “busta” nel boschetto ultima modifica: 2016-04-21T18:22:33+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!