Roberta Ragusa, ci sarà sopralluogo nel boschetto

A darne notizia il giornalista del Corriere della Sera Fabrizio Peronaci riportando le parole di Murò sul caso Roberta Ragusa, stamani in caserma





Roberta Ragusa
Roberta Ragusa

Il caso Roberta Ragusa si è definitivamente rimesso in moto dopo le ultime presunte novità. La donna scomparsa nel gennaio del 2012 potrebbe forse trovare un po’ di giustizia, magari con il ritrovamento del cadavere. A dare notizia delle ultime novità è il giornalista del Corriere della Sera Fabrizio Peronaci che ha seguito il caso e che, prima di altri, ha dato non poca rilevanza alle affermazioni della vigilessa che, a sua detta, avrebbe visto movimenti sospetti nel boschetto poco distante dalla stazione di S.Giuliano Terme, ipotizzando che lì possa essere stato sepolto il corpo di Roberta Ragusa.

 

Il giornalista Fabrizio Peronaci
Il giornalista Fabrizio Peronaci

Un’ipotesi importante che inizialmente ha visto non poca diffidenza anche da parte di testate giornalistiche nazionali. Ora invece la pista sembra prendere corpo, al punto che i Carabinieri stamani hanno convocato Luigi Murò, colui al quale la stessa vigilessa si era rivolta a dicembre scorso. Così come accade ormai da molte settimane, il giornalista Peronaci ha fatto sapere delle ultime novità dalla propria pagina Facebook.

«Non si può escludere che la convocazione di questa mattina sia legata alle ripetute dichiarazioni pubbliche di Murò» ha scritto Peronaci riferendosi alle parole dello stesso Murò in un messaggio inviatogli da quest’ultimo. In quella sede Luigi Murò aveva scritto: «Se entro venerdì la Procura di Pisa non mi convocherà la dirò io tutta la verità. Tutta Italia deve sapere, molte teste cadranno e finalmente si saprà come vanno le cose a Pisa». Forse quelle parole sono la ragione della convocazione in caserma, nei giorni in cui i Carabinieri sono chiamati a proseguire le indagini sulla fine di Roberta Ragusa.

 




 

caso ragusaLuigi Murò è per ora l’unica fonte di quanto avvenuto stamani in caserma, così come sottolinea lo stesso Peronaci riportando le sue affermazioni: «Mi è stato data assicurazione che tutti i nuovi spunti investigativi vengono seguiti ‒ ha detto Murò ‒, che l’inchiesta è sempre attiva e che prossimamente verrà svolto un sopralluogo per verificare se ai margini del boschetto, sotto quella rudimentale tomba a cielo aperto, con una croce e un basamento rialzato, da me individuata qualche tempo fa, ci siano tracce utili all’inchiesta».

 

roberta ragusaSe così fosse sarebbe una novità importante, quanto meno per dare credibilità definitiva oppure smentire per sempre la tesi sostenuta dalla presunta testimone vigilessa. D’altra parte, altre informazioni sul caso Roberta Ragusa sono spuntate in questi ultimi giorni.

Ancora una volta comunicate al giornalista Peronaci e ancora una volta indirizzate al possibile ritrovamento del cadavere della donna, che potrebbe essere nel cimitero che poco dista dallo stesso boschetto. Ipotesi, presunti testimoni e un sopralluogo: queste le ultime sul caso Roberta Ragusa nella speranza di dare una vera svolta a questa triste vicenda.

 

articolo di Giulio Bini

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

 



Roberta Ragusa, ci sarà sopralluogo nel boschetto ultima modifica: 2016-06-21T16:23:24+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!