Ragone – Costanza, nel duplice omicidio spunta il terzo uomo?

Secondo le ultime indiscrezioni nell’omicidio di Trifone Ragone e Teresa Costanza, Giosuè Ruotolo e la fidanzata Rosaria Patrone non avrebbero agito soli

Dopo mesi di silenzi potrebbero esserci importanti novità nel delitto di Pordenone. È passato ormai ben più di un anno da quel 17 marzo 2015, quando Trifone Ragone e la fidanzata Teresa Costanza vennero freddati a colpi di pistola (una calibro 7,65) nel parcheggio di una palestra.




1. Trifone RagoneGli inquirenti fin da subito hanno messo nel mirino l’ex commilitone di Ragone, Giosuè Ruotolo. Con l’avanzare delle indagini, la colpevolezza di Ruotolo è sembrata sempre più di un’eventualità: si è scoperta una storia di gelosie, tradimenti, profili falsi di social network e minacce, tanto che uno dei lavori più dispendiosi per gli investigatori è stata l’analisi dei supporti elettronici.




giosuè RuotoloMentre Ruotolo è in carcere in attesa del processo (atteso per settembre ma che potrebbe essere rinviato, vista la difficoltà delle indagini) anche la fidanzata Rosaria Patrone è stata indagata per favoreggiamento. Un’accusa molto difficile da sostenere senza prove certe e che sta impegnando a lungo le indagini degli inquirenti.

2. Teresa CostanzaÈ notizia delle ultime ore invece il possibile coinvolgimento di un terzo uomo nell’omicidio della coppia di Pordenone. Un’indiscrezione importante poiché mai prima d’ora era stata presa in considerazione dalle forze dell’ordine, nonostante Cronaca&Dossier avesse più volte sostenuto la possibilità di un’altra persona coinvolta nel delitto.




delittoLa notizia sembra più che fondata dato che a renderla nota è stato l’avvocato di Ruotolo: «Ci risulta che la polizia abbia sentito diversi nuovi volti in questi giorni anche se le attenzioni si starebbero concentrando su un individuo in particolare» ha detto il legale Roberto Rigoni Stern. Impossibile sapere il contenuto degli interrogatori, che finché l’indagine resterà aperta resteranno secretati. La novità tuttavia, secondo l’avvocato Rigoni Stern, è comunque un piccolo spiraglio per alleggerire la posizione di Ruotolo: «Noi abbiamo sempre ribadito che l’impianto accusatorio costruito contro il mio assistito fosse molto fragile, e questa nuova direzione presa dagli eventi ne è solo una riprova».

 

articolo di Nicola Guarneri

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

Ragone – Costanza, nel duplice omicidio spunta il terzo uomo? ultima modifica: 2016-06-20T11:16:43+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!