Noventa, sopralluogo dei sommozzatori per cercare il corpo

Sopralluogo dei Vigili del fuoco in corso al lago di Padova: l’obiettivo è cercare il corpo di Isabella Noventa alla luce delle ultime informazioni 

 




 

caso noventa
L’avvocato Balduin e Isabella Noventa

Iniziato da poco il sopralluogo dei Vigili del fuoco di Padova per scoprire se davvero in un lago artificiale si nasconde il corpo di Isabella Noventa. Si tratta di un laghetto formatosi nell’ex cantiere vicino al Ponte Darwin, nella zona est di Padova. Il lavoro dei Vigili del fuoco ha l’obiettivo di preparare il necessario affinché nei prossimi giorni si possa dar luogo alla ricerca del corpo di Isabella Noventa. A quanto pare, dunque, gli inquirenti non vogliono lasciare nulla al caso, dando credito alla tesi indicata nella lettera anonima più volte enunciata dall’avvocato Gian Mario Balduin.

 

isabella noventa debora sorgatoNella missiva si indica proprio il laghetto come il luogo dove sarebbe stato occultato il cadavere di Isabella Noventa. D’altra parte lo stesso Balduin, legale di Paolo Noventa (fratello di Isabella), aveva visto come attendibili le indicazioni lì indicate. «Il laghetto Darwin o laghetto di Padova ‒ aveva detto giorni fa l’avvocato ‒ è sorto spontaneamente dopo i lavori di costruzione del magazzino Ikea, una zona impervia e piena di erbacce, di notte non esposta a occhi indiscreti; una zona molto vicina a Noventa Padovana, si tratta di pochi chilometri percorribili in auto in circa dieci minuti».

 




 

isabella noventa ricercheCome fanno sapere i media locali, in queste ore i sommozzatori starebbero visionando il perimetro del bacino artificiale del lago. Un lavoro che in teoria non dovrebbe presentare particolari difficoltà considerando l’esigua profondità dello stesso ‒ fra i tre e i quattro metri ‒ ma che impone la dovuta prudenza e l’utilizzo delle attrezzature standard per situazioni del genere. La speranza è ovviamente di trovare finalmente il cadavere di Isabella.

 

isabella-noventa-omicidio-freddy-sorgato-4Nei giorni scorsi proprio l’avvocato Balduin aveva lanciato un accorato appello affinché le ricerche non avessero fine, insistendo e dando credito, quantomeno per non lasciare nulla al caso, alle informazioni nella lettera. Il legale sostiene restino in piedi ancora due ipotesi, tra cui quella che la vittima possa essere finita «in un cassonetto dell’immondizia di sicuro vicino all’abitazione di Freddy a Noventa. La stessa sorte che è capitata al piumino bianco di Isabella, che è stato buttato in una campana dei rifiuti a Padova da Manuela Cacco».

Dunque nella spazzatura oppure in fondo al lago: una delle due ipotesi potrebbe portare al ritrovamento del corpo di Isabella Noventa. Occorre infatti fare presto, il più possibile, per far sì che il corpo della 55enne possa ancora dare qualche informazione prima che la putrefazione cancelli tracce importanti. Ritrovare il cadavere significherebbe infatti capire quanto è credibile la tesi di Freddy Sorgato sulle cause della morte di Isabella. Secondo l’uomo, Noventa sarebbe morta durante un gioco erotico finito male, ma a questa ipotesi credono in pochi. Servono però prove per contraddirla.

 

articolo di Andrea B.

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

 



Noventa, sopralluogo dei sommozzatori per cercare il corpo ultima modifica: 2016-05-04T17:27:26+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!