Morto Licio Gelli, ex vertice della P2: ecco l’ultima intervista

Dal tentato golpe Borghese alla strage di Bologna: morto Licio Gelli il Venerabile dei misteri italiani del secolo scorso






licio gelliPoco prima delle 23:00 di martedì 15 dicembre a Villa Wanda (Arezzo) è morto Licio Gelli all’età di 96 anni, personaggio chiave dei cosiddetti “misteri italiani” del secolo scorso, considerato a capo della Loggia Propaganda 2.
Licio Gelli era da giorni ricoverato nella clinica pisana di San Rossore, ormai dimesso da una settimana perché giudicato “in fin di vita”. Da qui la decisione della moglie Gabriela Vasile di portarlo a Villa Wanda, residenza di una vita il cui nome viene dalla precedente moglie di Gelli.

La villa e il suo nome sono legati ad alcuni tra gli scandali più importanti della storia repubblicana. Gelli divenne particolarmente noto alle cronache dopo lo scandalo della Loggia P2, quando nel 1981 venne resa nota la scoperta di una lista con nomi eccellenti, dal mondo militare a quello giornalistico passando per personalità dello spettacolo e dell’imprenditoria, tutti affiliati o parte a vario titolo della Loggia P2. La lista fece il giro del mondo e per saperne di più sulla coperta Loggia P2, venne istituita la Commissione Anselmi, prendendo spunto da Tina Anselmi che la presiedette. Ancora oggi l’argomento è motivo di discussione per comprendere le trame oscure della recente storia repubblicana.



 

Nato a Pistoia il 21 aprile del 1919, il nome di Licio Gelli arriva ai vertici della P2 alla fine degli anni Sessanta per iniziare così una rapida scalata internazionale trovando appoggio soprattutto in Argentina in qualità di ambasciatore, carica che gli diede la possibilità di stringere relazioni importantissime in Italia e all’estero. Un potere che cercò di convogliare a metà anni Settanta nella nascita dell’OMPAM, Loggia Mondiale che avrebbe dovuto, negli intenti di Gelli, influenzare le politiche degli Stati più importanti grazie al peso degli affiliati.

Strage_di_bologna_soccorsi_11Per l’Italia, Licio Gelli è chiamato in causa nel tentato golpe Borghese del comandante Junio Valerio Borghese nel dicembre del 1970; nella vicenda di Aldo Moro nel 1978 per legami tra servizi segreti e affiliati alla P2; è legato alla strage di Bologna del 1980 perché condannato per depistaggio; nella bancarotta del Banco Ambrosiano nel 1982; nella vicenda di Michele Sindona per il crack finanziario di cui fu protagonista; nella vicenda dell’omicidio del giornalista Mino Pecorelli perché quest’ultimo già affiliato anni prima alla P2 nella quale ai vertici c’era proprio Gelli; nella morte di Vittorio Occorsio che avrebbe denunciato fatti legati alla P2. Sono tante e tante ancora le storie di cronaca nera e politica nelle quali il nome di Licio Gelli è comparso. Una lista ancora più lunga di quella rinvenuta a Villa Wanda, lì giungendo le Forze dell’ordine per via dell’indagine sul finto rapimento di Michele Sindona.

golpe borgheseIn una delle ultime interviste, Gelli aveva lanciato un piccolo scoop a suo modo, parlando del celebre archivio segreto che custodirebbe nomi e altre verità presunte o reali. «I servizi segreti mi pagarono 400 milioni di Lire per un archivio falso», disse ad una tv svizzera. Leggi qui l’intervista con i punti salienti.

Morto Licio Gelli ora proprio quell’archivio (o quegli archivi) diventeranno ancora di più oggetto di ricerca per gli storici, dopo che lo stesso Gelli ne aveva in qualche modo preannunciato la “desecretazione” dopo la sua morte.  «La mia assicurazione sulla vita» amava definire la marea di documenti che esisterebbe chissà dove. Ora qualche carta importante potrebbe vedere la luce.

I funerali di Licio Gelli si terranno giovedì nella chiesa di S. Maria delle Grazie ad Arezzo. A 45 anni e 7 giorni esatti dalle trame del golpe Borghese che segnarono un momento controverso e convulso della storia italiana, muore Licio Gelli ultimo grande custode di storie drammatiche, le nostre.

Redazione di Cronaca&Dossier

Seguici con un Mi Piace su Facebook e Twitter



Morto Licio Gelli, ex vertice della P2: ecco l’ultima intervista ultima modifica: 2015-12-16T01:18:42+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!