Manuel Foffo, il filmato dell’omicidio per ricattare Prato

I due assassini di Luca Varani, Manuel Foffo e Marco Prato, avevano già trascorso quattro giorni a base di sesso e droga lo scorso Capodanno


Non era la prima volta che Manuel Foffo e Marco Prato si chiudevano in casa per un festino a base di sesso e droga. Lo scorso Capodanno i due avevano trascorso quattro giorni chiusi tra quattro mura, con una buona scorta di droga e tutte le intenzioni di “divertirsi”.

la madre di manuel foffoÈ forse in quel lasso di tempo, durante i quali numerosi ospiti occasionali passano dalla casa, che i due pensano a qualcosa di estremo, forse addirittura lo pianificano. L’idea di uccidere qualcuno e provare qualcosa di forte non dev’essere stata improvvisata.




Da sinistra, Manuel Foffo e Marc PratoRisale a quei giorni di Capodanno un primo video di un festino: è Marco Prato a filmare Manuel Foffo in un atto sessuale, un rapporto orale. Il PR avrebbe così avuto un’arma per ricattare Foffo. Da qui sarebbe nata l’idea di quest’ultimo di filmare Luca Varani e i momenti delle violenze su di lui. Lo studente fuori corso ha ammesso durante uno dei sette interrogatori di aver girato quel video proprio per avere a sua volta un’arma per difendersi dal filmato girato dall’amico intimo nella precedente occasione.




pratoIl pm Francesco Scavo ha dato dunque ordine di scandagliare tutti i dispositivi informatici dei due assassini alla ricerca di qualunque cosa possa essere utile: foto, video, ricerche su internet, siti visitati e quant’altro. L’obiettivo non è solo quello di ricostruire con esattezza lo svolgimento dei fatti ma anche di arrivare a delineare con chiarezza  le personalità di Marco Prato e Manuel Foffo. Nonostante l’uso delle più avanzate tecnologie sta risultando molto difficile reperire il filmato di quest’ultimo, un video di pochi secondi subito cancellato dalla memoria. Foffo infatti possiede un iPhone e i dati sono criptati.




IPhone_5s_topNegli ultimi mesi la Apple è stata al centro di numerose polemiche proprio per la vicenda della strage in California: l’FBI aveva trovato l’iPhone di uno degli attentatori ma la casa di Cupertino si è rifiutata di sbloccarlo, dichiarando che i suoi dispositivi sono involabili e qualsiasi loro azione sarebbe una profonda violazione della privacy.

 

articolo di Nicola Guarneri

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

Manuel Foffo, il filmato dell’omicidio per ricattare Prato ultima modifica: 2016-04-29T11:42:47+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!