Luigi Tenco, «Dalla Procura nuova imbarazzante archiviazione»

Il caso di Luigi Tenco a La Storia Oscura: esperti di Criminologia e personalità dello spettacolo invocano la riapertura dell’inchiesta




Si è appena conclusa una nuova, ricca puntata de La Storia Oscura, il programma condotto dal giornalista Fabio Camillacci e in onda su Radio Cusano Campus. Argomento odierno è stato il caso di Luigi Tenco, il cantautore morto a Sanremo la notte tra il 26 e il 27 gennaio del 1967, proprio nei giorni del Festival. Archiviato come suicidio, la verità giudiziaria non ha mai convinto  l’opinione pubblica, tanto che anche Cronaca&Dossier ha dedicato un lungo speciale al caso, evidenziando dubbi, indizi e prove sulla morte di Luigi Tenco.




Luigi TencoDurante la trasmissione è intervenuto Pasquale Ragone, direttore responsabile di Cronaca&Dossier e coautore con Nicola Guarneri del libro “Le ombre del silenzio” (Castelvecchi Editore). Il criminologo Ragone ha evidenziato alcune delle prove che lo hanno spinto a presentare una relazione criminologica alla Procura di Imperia per riaprire il caso (relazione respinta dal Procuratore). Innanzitutto è stata lanciata l’ipotesi che la pistola di Luigi Tenco, una Walther PPk 7,65 che secondo la Procura sarebbe stata utilizzata dal cantautore per suicidarsi, non solo non sparò ma non era nemmeno presente nella stanza. Se il mancato rinvenimento è stato provato dall’assenza della pistola tra gli oggetti indicati nel primo verbale della Polizia redatto quella notte, un’ulteriore prova è stata l’analisi balistica. Il criminologo Ragone si è avvalso del contributo di uno dei massimi esperti di balistica in tutta Italia, il prof. Martino Farneti, che grazie ad una serie di esami effettuati in un laboratorio di Padova ha evidenziato che i segni presenti sul bossolo (esaminati nell’analisi dell’ERT effettuata in seguito alla riapertura dell’indagine negli anni 2000) non sono compatibili con quelli lasciati da una Walther PPk 7,65. Quella della riapertura del caso e dell’autopsia è un’altra, intricata storia: durante la trasmissione è intervenuto anche un esperto balistico, l’ing. Alessandro Lima, che ha spiegato l’assurdità della prova dello Stub: questo esame permette di stabilire se una mano ha sparato oppure no attraverso l’analisi dei residui della polvere da sparo. Per risultare positiva, questa prova deve rinvenire sulla mano del soggetto particelle di tre elementi: antimonio, piombo e bario. Sulla mano di Tenco vennero ritrovate solo due particelle di antimonio (probabilmente dovute alle sigarette che il cantautore fumava frequentemente) ma ciononostante non venne ritenuta valida per fare riaprire il caso per omicidio. Questi ed altri dettagli tecnici si uniscono alle dichiarazioni dell’epoca: durante la trasmissione sono state fatte sentire diverse dichiarazioni scettiche, come quella di Orietta Berti («Per me Luigi Tenco non si è suicidato, ma quando l’ho detto nelle interviste non l’hanno mai riportato»), quella del commissario Arrigo Molinari («Quello di Tenco non fu un suicidio») scomparso nel 2003 proprio dopo questa dichiarazione, e quella di Cesare Gigli («Quando parlai con Lucio Dalla [che alloggiava nella stanza di fronte a Tenco, ndr] mi disse di non aver sentito alcun colpo di pistola»).




Radio Cusano Campus caso luigi chiattiCome nelle precedenti puntate La Storia Oscura e il conduttore Fabio Camillacci non si sono fermati all’apparenza, cercando di esaminare a trecentosessanta gradi una delle morti più misteriose degli ultimi cinquant’anni d’Italia, con il criminologo Ragone che ha concluso attaccando la Procura di Imperia per non avere eseguito nuovi accertamenti. «Sarebbe bastato poco per chiudere il caso e ogni ipotesi, semplicemente analizzando il bossolo agli atti dell’inchiesta verifcando se davvero vi sono i segni di una Beretta 70. Il non averlo fatto nel 2015 è solo un nuovo, ultimo capitolo sul caso Luigi Tenco».

 

Redazione di Cronaca&Dossier

Seguici con un Mi Piace su Facebook e Twitter

Luigi Tenco, «Dalla Procura nuova imbarazzante archiviazione» ultima modifica: 2016-02-11T15:41:27+00:00 da info@cronacaedossier.it

One thought on “Luigi Tenco, «Dalla Procura nuova imbarazzante archiviazione»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!