«Luca non si sarebbe venduto per nessuna cifra al mondo»

Ma la madre di Foffo in un’intervista dichiara: «Cosa ci faceva un 22enne in casa mia?» riferendosi a Luca Varani e prende le difese del figlio

 




 

la madre di manuel foffo
Manuel Foffo

Sono perentorie e allo stesso tempo sincere le frasi rilasciate da Marta Gaia Sebastiani, la fidanzata di Luca Varani, alla trasmissione Chi l’ha visto? andata in onda ieri. Parole univoche e senza possibilità di fraintendimento: «Non c’era niente nel comportamento di Luca che mi potesse far pensare a qualcosa di strano. Luca non è assolutamente quello che viene descritto da Manuel Foffo e Marco Prato». Parla così alla trasmissione in onda su Rai Tre la giovane fidanzata del ragazzo barbaramente ucciso a Roma nella notte tra il 3 e il 4 marzo scorso a colpi di coltello e martello, per il cui omicidio sono oggi accusati i due enigmatici aguzzini Manuel Foffo e Marco Prato. E alle voci secondo cui Luca si sarebbe recato a casa di Foffo in cambio di una ricompensa in denaro e droga, la giovane Marta Gaia risponde costernata: «No, proprio no, non ci credo assolutamente.

 

Foffo
Luca Varani

Quello descritto non è Luca. Manuel Foffo e Marco Prato stanno parlando di un’altra persona, di certo non di Luca Varani. Assolutamente». E inoltre rimarca: «Luca non si sarebbe venduto per nessuna cifra al mondo. Non esiste alcuna cifra, non esiste proprio questo tipo di discorso». In merito alle accuse mosse ai due spietati killer, la ragazza ha dichiarato: «Chiedo la giusta pena per chi ha compiuto questo atroce omicidio, ma soprattutto voglio verità e giustizia».

 




 

D’altro canto, però, le parole di Daniela Pallotto, madre di Manuel Foffo e inquilina dello stesso condominio – il suo appartamento è situato proprio sotto a quello in cui si è consumata l’orribile uccisione di Luca Varani – sembrano interferire e in parte sconfessare le prime versioni dei fatti, immediatamente successive alla confessione dei due assassini.

pratoIn una recente intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica, la donna sembra prendere con decisione le parti del figlio, mettendo in luce alcuni dubbi riguardanti le frequentazioni di Manuel e le sue condizioni psicofisiche nei giorni dell’omicidio di Varani. Per quanto riguarda Marco Prato e, appunto, Luca Varani, la donna non sembra mostrare incertezze quando afferma: «Non li ho mai conosciuti. Non erano nel gruppo degli amici storici di mio figlio, su questa sono assolutamente sicura. Non ho mai visto nessuno dei due. E poi, mi chiedo, cosa ci faceva un 22enne a casa mia? Manuel ne ha 29 e frequentava sempre i suoi coetanei».

La notte fra il 3 e 4 marzo la signora Pallotto assicura di non avere sentito alcun rumore sospetto proveniente dal piano superiore, ma soprattutto, riferendosi al figlio, dice: «[In quei giorni, ndr] L’ho visto più di una volta. Ma non mi è mai sembrato agitato. Di pettegolezzi e di voci ne ho sentite tante. Ma se fosse stato davvero male, il sabato mattina non sarebbe venuto con me al funerale dello zio.»

Mentre proprio Manuel Foffo si dichiara pronto all’ergastolo, sua madre e la fidanzata di Varani sembrano tracciare profili differenti sia della vittima che dei carnefici, svelando particolari finora passati inosservati dal punto di vista investigativo. Che possano portare alla luce nuovi determinanti elementi per il raggiungimento della verità?

 

articolo di Gianmarco Soldi

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

 



«Luca non si sarebbe venduto per nessuna cifra al mondo» ultima modifica: 2016-04-14T17:38:58+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!