Lodo Moro, scoperto il documento riservato che lo dimostra

I legami tra il Lodo Moro e la strage di Bologna tema di uno speciale di Cronaca&Dossier

lodo moroFino a ieri si era trattata di una sorta di patto detto ma non scritto, e invece oggi a provare l’esistenza del Lodo Moro è un documento che nero su bianco potrebbe cambiare le carte in tavola su alcuni dei fatti più importanti e tragici della recente storia italiana.
L’avvocato Enzo Raisi ha annunciato tramite Quotidiano nazionale, e ripreso da Panorama, di avere rinvenuto un telegramma, spedito a Roma da Beirut e datato 17 febbraio 1978, un mese prima del rapimento di Aldo Moro, nel quale si fa esplicito riferimento ad un patto segreto volto ad escludere l’Italia da piani terroristici.
Ad inviare il telegramma era stato il colonnello Stefano Giovannone, già ufficiale del SID e poi del SISMI, in quel periodo responsabile dei servizi segreti italiani in Libano. Il testo è tanto esplicito quanto rilevante su quello che è il cosiddetto “Lodo Moro”, un patto segreto tra il governo italiano della metà anni Settanta con i terroristi palestinesi. L’obiettivo era far sì che l’Italia non divenisse oggetto di attentati, come invece accadeva in altri Paesi occidentali; in cambio, i terroristi avrebbero avuto la possibilità di trasportare armi e far passare i propri uomini sul suolo nostrano.
Del Lodo Moro si è spesso parlato ed è stato tema di indubbia rilevanza storica, tanto più che potrebbe essere legato ad una delle più sanguinose stragi italiane, quella avvenuta alla stazione di Bologna il 2 agosto 1980.

Trentennale_strage_di_BolognaEcco il testo del telegramma ritrovato presso l’Archivio di Stato: Mio abituale interlocutore rappresentante Fplp Habbash, incontrato stamattina, habet vivamente consigliatomi non allontanarmi Beirut, in considerazione dovermi urgentemente contattare per informazioni riguardanti operazione terroristica di notevole portata programmata asseritamente da terroristi europei, che potrebbe coinvolgere nostro Paese se dovesse essere definito progetto congiunto discusso giorni scorsi in Europa da rappresentanti organizzazione estremista. At mie reiterate insistenze per avere maggiori dettagli, interlocutore habet assicuratomi che Fplp opererà in attuazione confermati impegni miranti escludere nostro Paese da piani terroristici genere, soggiungendo che mi fornirà soltanto, se necessario, elementi per eventuale adozione adeguate misure da parte nostre autorità. Alt. Fine”.

Dei possibili legami fra Lodo Modo, caso Moro e strage di Bologna si è occupato uno speciale di Cronaca&Dossier dal titolo Lodo Moro, il vero segreto di Stato in Italia.
Nell’ampio servizio di approfondimento si analizzano gli elementi a sostegno dell’esistenza del Lodo Moro, legando lo stesso Lodo Moro ad altri due fatti di sangue avvenuti nel nostro Paese come il caso Argo 16 e la strage di Bologna, sostenendo la presenza del terrorismo rosso internazionale dietro la strage del 1980 e contestando le conclusioni della Procura di Bologna indirizzata all’archiviazione della cosiddetta “pista rossa”.

Oggi il ritrovamento del documento presso gli archivi aggiunge un possibile importante tassello per ricostruire uno dei periodi più oscuri della nostra storia, quello a cavallo fra gli anni Settanta e Ottanta.

 

articolo di Pasquale Ragone

Lodo Moro, scoperto il documento riservato che lo dimostra ultima modifica: 2015-10-14T17:05:45+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!