L’avvocato Salvagni: «È stato fatto scempio di Bossetti e della sua famiglia»

Dura replica di Salvagni dopo la pubblicazione delle lettere con la detenuta Gina. L’avvocato di Bossetti denuncia: «La sua vita è stata stravolta»

 




 

Salvagni Bossetti
L’avvocato Claudio Salvagni

L’avvocato Claudio Salvagni, legale di Massimo Bossetti, non ha digerito gli ultimi sviluppi nel processo sulla morte di Yara Gambirasio. A cominciare dal rifiuto della Corte ad autorizzare una nuova perizia sul DNA, fino alle lettere pubblicate da Giallo. Intervenendo oggi ai microfoni della trasmissione Legge o Giustizia, condotta da Matteo Torrioli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano, il suo è stato un lungo sfogo proprio sulla questione delle missive intercorse tra Bossetti e la detenuta Gina.

 

bossetti e moglie
Bossetti e la moglie

«È stato fatto scempio di Bossetti e della sua famiglia ‒ ha detto l’avvocato Salvagni ‒. Ricordiamoci che ha 3 figli minorenni. È stata dimenticata la presunzione d’innocenza sancita dalla nostra Costituzione. Ci voleva molto più rispetto nei confronti di Bossetti». Il riferimento è al contenuto delle missive scritte da Massimo Bossetti nel carcere di Bergamo. Nello scambio epistolare con la detenuta Gina, con la quale ancora non è avvenuto alcun incontro, l’imputato per il caso Gambirasio si è lasciato andare ad alcuni particolari, dalle dimensioni dei propri genitali alle abitudini più intime. Particolari sono stati resi pubblici sia con la lettura in aula del contenuto delle lettere da parte del Pm, sia per la pubblicazione delle missive stesse. «La sua vita è stata stravolta e, anche qualora venisse assolto, non potrà mai più essere come quella precedente». Ma a fare le spese di questa spettacolarizzazione dell’informazione, secondo l’avvocato Salvagni non è soltanto Bossetti.

 




 

lettera«È stata stravolta anche la vita di tutta la sua famiglia ‒ ha detto l’avvocato ai microfoni di Legge o Giustizia ‒. Stigmatizzo e condanno la pubblicazione di questa corrispondenza privata. Si è voluto mettere l’occhio nel buco della serratura per andare a vedere le abitudini e i comportamenti sessuali di Bossetti che vanno contestualizzati. Bossetti è un uomo che da due anni è in carcere, è stato 4 mesi in isolamento. Chi scrive e chi parla non conosce la situazione carceraria italiana. Una parola di una persona ti offre amicizia e complicità, in quella situazione estrema, in molti farebbero fatica a non accoglierla. Purtroppo anche questo fatto è stato strumentalizzato. Questa è l’Italia». 

 

bossettiAl di là del parere dell’avvocato Salvagni, in effetti la pubblicazione delle lettere spedite da Bossetti alla detenuta Gina lascia molto perplessi. Il Pm aveva deciso di acquisire quelle lettere in virtù di informazioni che potevano essere simili a quelle trovate sul computer di casa Bossetti. Se dunque appare logico, da parte del Pm, utilizzare ogni elemento per comprendere al meglio la psicologia e le abitudini dell’imputato, meno comprensibile è l’avere permesso che tutto ciò finisse in pubblica piazza trasformando il processo in una corsa alla morbosità che non ha più nulla a che vedere con la morte di Yara.

 
articolo di Andrea B.

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

 




 

L’avvocato Salvagni: «È stato fatto scempio di Bossetti e della sua famiglia» ultima modifica: 2016-05-06T16:17:15+00:00 da info@cronacaedossier.it

2 thoughts on “L’avvocato Salvagni: «È stato fatto scempio di Bossetti e della sua famiglia»

  • 6 maggio 2016 at 17:57
    Permalink

    E’ stato l’avvocato Salvagni a portare le lettere di Bossetti alla Gina a Quarto Grado o sbaglio?…chi e’ che ha trasformato questo processo in un fenomeno mediatico presidiando quotidianamente radio e televisioni?…i processi in italia sono pubblici e l’informazione e’ un diritto…

    Reply
  • 7 maggio 2016 at 2:03
    Permalink

    Boni, visto che i processi sono pubblici avremmo potuto avere meno gossip ed invece le telecamere in aula. Dal comportamento della pm avresti nutrito seri dubbi sulla sua salute mentale. Così come avresti nutrito seri dubbi sull’imparzialità della presidente, che sistemava ritagli di giornale quando parlavano i consultenti della difesa. L’avvocato Salvagni è andato a rappresentare alcune questioni e dare informazioni in alcune trasmissioni, ma la sua copertura ed esposizione mediatica è di gran lunga minore rispetto alle continue violazioni del segreto istruttorio (durante la carcerazione preventiva prima del processo) e la pubblicazione di atti del processo durante lo stesso. Il tutto condito da interventi a vanvera di starlette e giornalisti della domenica, ma anche, purtroppo, da consulenti dell’accusa intervistati senza contraddittorio (ad esempio da “chi l’ha visto?”). E’ vero che il processo è pubblico, ed ogni cosa messa agli atti è fruibile dalla stampa, tuttavia come la presidente si è premurata di mettere la censura, secretando i verbali del processo fino al 2020 (e non ti chiedi perché?), poteva inibire la trasmissione di fatti privati alla stampa. In fondo cosa aspettarsi dalla stessa presidente e la stessa corte di superficiali benpensanti forcaioli (che non hanno certo letto e capito tutti i documenti e le consulenze -per fare il giudice popolare basta la terza media-)? La stessa corte che ha negato i dovuti approfondimenti come la ri-estrazione della traccia di DNA (ne avremmo viste delle belle). E l’informazione sarà pure un diritto, ma il vouyerismo è solo un esercizio miserabile. Quanto alle lettere sono solo l’ennesima trovata mediatica di una pm che aveva già provato a costruire false testimonianze, comprando il detenuto Busatta (poi ritenuto inattendibile e delinquente seriale) e provando a comprare un altro detenuto. Non mi meraviglierei che la Gina (peraltro una truffatrice, quindi una manipolatrice capace di portare il discorso dove vuole lei), sia stata assoldata dalla pm. Sempre che esista e non sia una squallida trappola (che cmq non dimostra proprio nulla, se non che dopo due anni di disperazione un uomo è solo e magari facilmente eccitabile).

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!