Isabella Noventa spiata dal maresciallo Verde? Lo prova il server

Il maresciallo Giuseppe Verde avrebbe cercato dati su Isabella Noventa nel periodo della denunce per minacce e persecuzione

noventa
Isabella Noventa

Secondo quanto pubblicato dai quotidiani padovani sul misterioso caso Isabella Noventa, sembrerebbe che il maresciallo Giuseppe Verde spiasse la donna. Il sottufficiale dei Carabinieri compagno di Debora Sorgato, infatti, avrebbe cercato e analizzato ben due volte informazioni relative alla segretaria 55enne di Albignasego all’interno della banca dati interforze: risultano nel software due interrogazioni del Sdi (sistema d’indagine) con digitazione “Noventa Isabella”. Secondo le più recenti ricostruzioni, le visite al software risalirebbero tra novembre 2013 e settembre 2014, nel periodo in cui la donna espose ben sei denunce per atti persecutori e minacce aggravate. Probabilmente fu proprio quello il momento in cui cominciò a balenare nella mente di Debora Sorgato, insieme al fratello Freddy e alla sua amante Manuela Cacco, una folla idea di vendetta contro Isabella Noventa.

 

isabella noventa
Freddy Sorgato

Ma ci sarebbe un altro episodio a convalidare l’idea del coinvolgimento di Giuseppe Verde nell’intricata vicenda su cui si indaga ormai da cinque mesi. Il maresciallo, oggi indagato per violazione del segreto d’ufficio e accesso abusivo alla banca dati, avrebbe cercato i dati su Isabella qualche settimana dopo aver cenato con lei, Freddy e Debora. Una cena durante la quale Isabella probabilmente aveva chiesto aiuto per le persecuzioni che subiva ormai da qualche tempo. C’era infatti una donna che le inviava lettere anonime insultandola e cercando di minare la sua reazione con Freddy. Proprio quella donna nascosta dietro le missive potrebbe essere Debora Sorgato.

 

 

Dopo le lettere, dopo le numerose telefonate e ancora i messaggi intimidatori lasciati sull’auto in sosta, Isabella, preoccupata e stanca di essere presa di mira da una “sconosciuta”, ha presentato dopo alcuni giorni la prima denuncia alla Polizia, precisamente presso il Commissariato Stanga. La prima di ben sei denunce.

una letteraIl fatto che il maresciallo Giuseppe Verde sia entrato nel server durante l’arco temporale dal14 novembre 2013 al 24 settembre 2014 pone un’unica domanda agli inquirenti: a chi servivano quelle informazioni? Dopo ormai molti mesi dalla morte di Isabella Noventa la risposta sembra condurre a Debora e Manuela, ad oggi le principali sospettate per quelle minacce.

Il coinvolgimento del militare sembra sempre più evidente: i fascicoli stampati da Verde erano conservati ancora nel suo armadietto in caserma, sequestrati la settimana scorsa dagli investigatori della Squadra mobile, durante la perquisizione dei luoghi in cui lavorava.

Ma non è tutto: un altro mistero sta lentamente venendo a galla insieme alla fitta tela stretta intorno alla scomparsa di Isabella: il maresciallo, esperto di sistemi di videosorveglianza e addetto ai rilievi, aveva utilizzato lo Sdi anche per controllare la fedina penale di Gianluca Ciurlanti, l’ex di Debora deceduto in circostanze misteriose e già perseguito penalmente per alcuni reati come rapina. L’accesso da parte di Verde risale al 2008, anno in cui cominciò a frequentare la sorella di Freddy.

 

 

articolo di Gianmarco Soldi

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

Isabella Noventa spiata dal maresciallo Verde? Lo prova il server ultima modifica: 2016-05-14T11:57:11+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!