Eligia Ardita: chiesta l’esumazione della salma

Le tracce di DNA femminile potrebbero condurre verso un complice e ora anche la possibilità dell’esumazione di Eligia Ardita si fa spazio

 

 

delitto eligia arditaSi attende una svolta importante nel caso di Eligia Ardita, trovata morta nella sua abitazione lo scorso 19 gennaio. Ad annunciare la possibilità di una esumazione della salma è stato il padre della donna, Agatino Ardita, il quale ha fatto sapere della richiesta inoltrata agli inquirenti, ovvero di avere espressamente chiesto alla magistratura che sia disposta l’esumazione della salma della figlia. Alla base della richiesta ufficiale vi sarebbe la possibilità, a detta del padre, di individuare elementi interessanti nella bara all’interno della quale si trova il corpo di Eligia Ardita.
La novità, resa nota ieri durante una trasmissione televisiva, è frutto della convinzione che manchino ancora pezzi importanti all’indagine. «Christian [il marito di Eligia Ardita e oggi unico indagato, ndr] ha voluto che Eligia nella bara indossasse i vestiti di quella sera ‒ ha affermato Agatino Ardita ‒, quindi se lui ha avuto dei complici anche loro hanno maneggiato quella biancheria lasciando loro tracce».

Facendo un passo indietro, è bene ricordare che fu proprio il marito Christian Leonardi a chiamare i soccorsi dopo avere ritrovato il corpo della moglie. Dichiaratosi innocente, cambia la sua versione otto mesi dopo e si dichiara colpevole, schiacciato «dal peso dell’attenzione che la stampa aveva su di me».
Le sue dichiarazioni non passano inosservate e gli inquirenti continuano le indagini. Infatti le parole del padre di Eligia Ardita trovano ampio sostegno nelle novità che accompagnano le ultime analisi. Così come già avevamo segnalato ai nostri lettori un mese fa (Arriva la conferma di un complice), tra i pochi ad avere ripreso le preziose informazioni diffuse dai quotidiani siciliani, gli uomini del RIS di Messina hanno rinvenuto tracce di DNA femminile sulla scena del crimine.

 

 

3028124-poster-p-dnaPotrebbe trattarsi di un punto importante, tanto da essere il pilastro di una nuova fase delle indagini volte alla ricerca di un complice. D’altra parte qualcosa ancora non torna nella morte di Eligia Ardita: come ha fatto il reo confesso Christian Leonardi a ripulire tutto così in fretta?L’analisi criminologica che abbiamo offerto ai nostri lettori già a fine ottobre aveva posto il serio dubbio che l’uomo da solo avesse potuto compiere da solo la pulizia della scena del crimine.

Oggi quella riflessione si fa spazio tra gli inquirenti e si fa sempre più concreta la possibilità che ad agire possa esservi stata anche una donna mettendo forse in atto, è bene ricordarlo, non solo l’omicidio di Eligia Ardita ma anche quello della figlia che portava in grembo, rendendo ancora più tragico l’atroce gesto. Cosa ci faceva una donna sulla scena del crimine e soprattutto di chi si tratterebbe?

Sebbene quel DNA non abbia ancora un nome al quale essere associato, sembra invece ben più concreto il filone che potrebbe portare all’analisi su un indumento indossato dal cadavere al momento della sepoltura. Ecco allora che l’esumazione della salma di Eligia Ardita potrebbe essere un passaggio necessario verso una più completa ricostruzione dei fatti.

Redazione di Cronaca&Dossier
Seguici con un Mi Piace su Facebook e Twitter

 

 

Eligia Ardita: chiesta l’esumazione della salma ultima modifica: 2015-12-08T14:03:25+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!