Caso Ragusa in Cassazione: misteriosa scomparsa o lupara bianca?

Il prossimo 17 marzo potrebbe scriversi la parola fine sul caso Ragusa: Antonio Logli potrebbe non essere processato




San Giuliano Terme (Pisa)
San Giuliano Terme (Pisa)

Arriva in cassazione il caso Ragusa: dopo più di quattro anni da quella fredda notte del 13 gennaio 2012 l’assassino di Roberta Ragusa potrebbe farla franca. Se, effettivamente, si possa parlare di omicidio. Il corpo della donna di San Giuliano Terme non è mai stato ritrovato tanto che, dopo la sua sparizione, per diversi mesi gli inquirenti trattarono il caso come quello di una persona scomparsa. Con il progredire delle indagini si convinsero a mutare il caso in omicidio volontario e distruzione di cadavere. Uno e uno solo è sempre stato il sospettato, le cui dichiarazioni non hanno mai convinto gli investigatori: si tratta del marito, Antonio Logli.




caso RagusaI due coniugi avrebbero avuto una lite proprio la sera del 13 gennaio, che per non allarmare i figli sarebbe avvenuta fuori da casa, in strada. Secondo l’accusa fu in quel frangente che maturò nel marito l’idea del delitto, che subito dopo l’omicidio provvide a fare sparire il cadavere. La lite sarebbe stata dovuta alla scoperta, da parte della moglie, della relazione extraconiugale del marito con la babysitter di casa Sara Calzolaio, oggi diventata compagna ufficiale di Logli. A non convincere gli inquirenti sono le testimonianze dello stesso Logli, che ha denunciato la scomparsa della moglie solo il mattino successivo, dicendo di non essersi accorto della sua mancanza fino al risveglio. Logli ha sempre negato il suo coinvolgimento, attribuendo la scomparsa a una probabile amnesia della moglie, che qualche giorno prima aveva subito un forte trauma alla testa in seguito a una caduta dalle scale.




Nonostante le numerose indagini non è mai iniziato un processo a carico del marito poiché gli indizi raccolti non sono stati sufficienti a convincere il giudice ad aprire un caso, tanto che nell’udienza preliminare del 2015 ha emesso la sentenza di non luogo a procedere. Starà ora alla Cassazione valutare se vi sono sufficienti indizi per processare Antonio Logli o se relegare il caso Ragusa agli scaffali destinati ai cold case. Misteriosa scomparsa in stile hollywoodiano o lupara bianca di citazione mafiosa? Forse non lo sapremo mai. Per conoscere cosa ne pensa la Cassazione basterà attendere fino al 17 marzo.

 

articolo di Nicola Guarneri

Resta sempre aggiornato! Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter

Caso Ragusa in Cassazione: misteriosa scomparsa o lupara bianca? ultima modifica: 2016-02-29T12:01:27+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!