Caso Noventa, si profila un orribile delitto

Le ultime notizie sul caso Noventa potrebbero portare alla definizione di una brutale modalità omicidiaria e forse alla mano assassina





isabella noventa debora sorgato
Da sinistra, Isabella Noventa e Debora Sorgato

Le novità delle ultime ore potrebbero portare ad una tragica ridefinizione del caso Noventa, la 55enne di Albignsego morta tra il 15 e il 16 gennaio scorso. Isabella Noventa potrebbe essere stata vittima di un atroce delitto consumatosi a colpi di martello, forse nella cucina a casa di Freddy Sorgato, lo stesso luogo dove ormai sarebbe quasi certa la presenza di tracce ematiche ma per le quali bisognerò però attendere il confronto DNA per sapere se appartengono alla vittima.
La grave affermazione verrebbe da Manuela Cacco, la donna in carcere perché coinvolta nel caso Noventa sebbene ancora non siano chiare le sue effettive responsabilità. Cacco è colei che indossò il cappotto di Isabella per lasciare intendere che fosse ancora viva negli istanti in cui la donna in realtà era già morta.

 

 

isabella-noventa-omicidio-freddy-sorgato-4
Freddy Sorgato, Debora Sorgato e Manuela Cacco

All’inizio del caso Noventa Freddy Sorgato aveva parlato di un incontro sessuale finito male, ma gli inquirenti non gli avevano creduto. Ora invece la dinamica potrebbe svelare un delitto ben più agghiacciante di quanto ipotizzato. Isabella uccisa a martellate sarebbe la verità presunta di Manuela Cacco, che avrebbe espresso il 7 marzo scorso al pm Giorgio Falcone e al capo della Mobile Giorgio Di Munno. Tutto sarebbe avvenuto nella cucina di casa Sorgato e, se le indiscrezioni verranno confermate, la Cacco sarebbe andata oltre mettendo nei guai Debora Sorgato, accusandola di avere compiuto lei il massacro. Le ultime indiscrezioni sul modus operandi potrebbero giustificare perché tanta reticenza, da parte degli indagati, a dire dove si troverebbe il corpo, dunque per evitare che si scopra tanta efferatezza compiuta.




noventaLa versione della Cacco sulle modalità dell’omicidio nel caso Noventa non hanno trovato alcuna conferma, ma in realtà neanche smentita così come il legale di Manuela Cacco, Alessandro Menegazzo, ha ricordato alla stampa.  «Non confermo né smentisco questa voce ‒ si è affrettato a dire il legale ‒. L’interrogatorio della mia assistita è stato secreto dalla Procura e diffondere l’argomento di quel colloquio sarebbe una grave violazione degli accordi con gli inquirenti».

Dunque vige il riserbo più totale. Ma intanto nel caso Noventa gli ultimi giorni hanno visto importanti novità ed un’accelerata sostanziale nelle indagini. In particolare sono state sospese le attività di ricerca del corpo di Isabella nel Brenta e soprattutto il primo test delle sostanze trovate a casa di Freddy Sorgato le indicano come sangue. Sarà necessario un secondo test ma, se confermato poi dal confronto del DNA con quello della vittima, potrebbe disegnare la dinamica omicidiaria, probabilmente avvenuta nella cucina di casa Sorgato. Si segnerà così un punto di svolta importante nel caso Noventa.

 

articolo di Andrea B.

Resta aggiornato sulle pubblicazioni di Cronaca&Dossier, seguici con un Mi Piace su Facebook e Twitter

 




Caso Noventa, si profila un orribile delitto ultima modifica: 2016-03-24T16:55:22+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!