Caso Noventa, scarcerazione a fine estate per Manuela Cacco?

Si iniziano a tirare le somme nel caso Noventa e il legale della tabaccaia fa sapere che quest’ultima potrebbe essere accusata “solo” di favoreggiamento

 




 

isabella-noventa-omicidio-freddy-sorgato-4Il corpo di Isabella Noventa non si trova, ma intanto gli inquirenti non possono tenere ferma l’indagine sulla morte della 55enne segretaria padovana scomparsa a gennaio scorso. Un caso strano nel quale l’incognita più grande riguarda il corpo di Isabella Noventa, del quale non si ha traccia nonostante le serrate ricerche portate avanti fino a ieri.

 

 

isabella noventa ricerche
Isabella Noventa e il laghetto di Padova Est oggetto delle ricerche del corpo

Un vero mistero che può limitare ma non interrompere l’indagine. Gli inquirenti continuano a cercare indizi utili a comprendere la dinamica dei fatti e forse in tutta questa storia potrebbe esserci a breve un primo responso. Si tratta della posizione di Manuela Cacco, la tabaccaia accusata di essere stata complice nel caso Noventa preoccupandosi, assieme a Debora e Freddy Sorgato, di far sparire il cadavere.

Secondo il legale di Manuela Cacco, l’avvocato Alessandro Menegazzo, invece le cose stanno diversamente: «La mia assistita è consapevole che ci vorrà ancora diverso tempo per uscire dal carcere, soprattutto dal momento che sono in corso le indagini e che il giudice per le indagini preliminari deve ancora chiuderle». Nonostante sia ancora lontana la chiusura delle indagini, è stato lo stesso avvocato Menegazzo a chiarire pochi giorni fa alla testata La Nuova di Venezia il quadro investigativo a carico di Manuela Cacco e le ricerche di tracce nella villa di Sorgato.

 




 

isabella noventa
Freddy Sorgato

«Questi accertamenti ‒ ha detto il legale ‒ mirano a trovare tracce biologiche su particolari oggetti, sulle auto o in casa. A quanto pare non ci sarebbero ulteriori elementi a carico della mia indagata, che penso possa inquadrarsi più come una persona che abbia operato un favoreggiamento, che una vera e propria complice». L’avvocato Menegazzo specifica che ormai la sua assistita non ha altre informazioni da dare sul caso Noventa, dunque si è esaurito il suo apporto alle indagini. Bisognerà attendere la fine dell’estate per il deposito dell’istanza di scarcerazione di Manuela Cacco.

 

 

isabella noventaMa intanto giungono le conferme alle analisi di laboratorio sulle tracce rinvenute nella cucina di Freddy Sorgato: non ci sono elementi che conducano al caso Noventa e tantomeno al corpo di Isabella. Un responso che noi di Cronaca&Dossier avevamo già pubblicato a marzo scorso grazie agli elementi acquisiti in fase di indagine e che ora trovano definitiva conferma.

L’attesa ora è invece per le tracce biologiche trovate sulla carriola che utilizzava Freddy Sorgato e nella camera da letto di quest’ultimo. Tra le due la più interessante è senz’altro la prima qualora dovesse dare esito positivo. Se poi non si troveranno riscontri e non ci sarà il corpo di Isabella, allora per gli investigatori sarà difficile giungere alla verità sul caso Noventa.

 

articolo di Giulio Bini

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

 




 

Caso Noventa, scarcerazione a fine estate per Manuela Cacco? ultima modifica: 2016-06-29T16:51:55+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!