Caso Loris nato da «un legame emotivamente distorto»

Prima udienza sul caso Loris Stival e risultati della perizia eseguita su Veronica Panarello: secondo i periti il movente sarebbe «di natura psicologica»

 




 

caso stivalSembra tutto così evidente nel caso Loris Stival eppure tutto così strano, quasi sfuggente. Ci sono passaggi di questa storia che si fa fatica a comprendere perché incredibilmente illogici: una madre che all’improvviso uccide il figlio nonostante sia sana di mente e ombre che nessuno riesce a spiegare. Il caso Loris Stival, triste vicenda del bimbo trovato cadavere nel novembre del 2014 in un canalone di Santa Croce Camerina (Ragusa) e che secondo l’accusa sarebbe stato ucciso da sua madre, Veronica Panarello.

 

panarelloPer capire il perché di quel gesto atroce, la Procura ha cercato in lungo e in largo. Si è ipotizzata la semi infermità della donna; si è pensato ad un gesto volontario; la stessa Panarello ha detto invece che ad uccidere sarebbe stato suo suocero con il quale avrebbe avuto una relazione. La verità è sembrata fin troppo scivolosa e forse è destinata a rimanere tale. Probabilmente neanche il parere degli psicologi riuscirà a dare una risposta credibile, così come la risonanza magnetica effettuata.




 

veronica panarello

Secondo quanto avanzato dalla psicologa Maria Costanzo, nominata dall’avvocato nominato dal marito della Panarello, Davide Stival, alla base del delitto nel caso Loris vi sarebbe «un legame emotivamente distorto, probabilmente di natura psicologica», ovvero il piccolo Loris non sarebbe stato visto dall’imputata come un figlio ma per «lui era un amico». Da dove verrebbe tale constatazione è molto difficile saperlo ad oggi. Si sa invece che lo psichiatra Giuseppe Catalfo, anch’egli nominato dalla parte civile, sostiene l’esistenza di «contraddizioni che non sussistono nel campo dello psicopatologia». Nonostante l’ermeticità dei pareri espressi, su un punto periti e consulenti si trovano d’accordo: Veronica Panarello era in grado di intendere e di volere anche nei momenti in cui moriva il figlio.

 

L'avvocato Francesco Villardita
L’avvocato Francesco Villardita

Una constatazione molto grave che ovviamente avrà ripercussioni nel processo che oggi ha visto la prima udienza dinanzi al gup Andrea Reale. Di parere opposto è invece la difesa di Veronica Panarello, secondo la quale quest’ultima non sarebbe stata in grado di intendere e di volere in quanto, ha detto il legale della donna Francesco Villardita: «I nostri consulenti danno una valutazione diversa su quella dei periti».

Un punto nodale per l’intero caso Loris Stival, imprescindibile per capire cosa davvero sia accaduto e soprattutto perché. Infatti, nonostante il parere espresso dai periti, lascia abbastanza perplessi l’assenza di un motivo granitico che possa far capire perché Veronica Panarello all’improvviso avrebbe ucciso il figlio: se è sana di mente allora quale movente forte avrebbe avuto per compiere un gesto così atroce?
Intanto la Panarello si è detta in grado di assistere al processo sul caso Loris Stival e rilascerà dichiarazioni spontanee in aula, anche se non si sa quando.

 

articolo di Andrea B.

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

 



Caso Loris nato da «un legame emotivamente distorto» ultima modifica: 2016-06-20T17:54:08+00:00 da info@cronacaedossier.it

One thought on “Caso Loris nato da «un legame emotivamente distorto»

  • 7 agosto 2016 at 13:15
    Permalink

    possibile movente :
    lei ed il suocero Andrea erano amanti (per più o meno tempo)
    il bambino l’ha scoperto e minacciava di dirlo al padre Davide
    il suocero (probabilmente) non ha partecipato all’assassinio del bimbo.
    l’ha ammazzato LEI , terrorizzata che il marito venisse a scoprire la verità-
    – fine della storia.
    più movente di così ???
    … ciò non toglie che questa sciagurata, debba finire all’ergastolo per sempre… ed i signori “pppppiiiiissssicccologi, sempre a trovare scuse e motivazioni, vadano a quell’paese.
    ed il signor “suocero”, che si è scxxxxxpata la nuora, PAGHI per concorso morale .

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!