Caso Isabella Noventa, dissequestrati auto e coltelli

Ai fratelli Sorgato e a Manuela Cacco dissequestrati oggetti e auto: niente corpo e niente tracce nel caso Isabella Noventa 





Isabella Noventa
Isabella noventa

Inizia a farsi molto complicato il quadro investigativo del caso Isabella Noventa. Gli inquirenti avevano la speranza di trovare il corpo della 55enne padovana prima dell’arrivo dell’estate o quantomeno di trovare tracce importanti. Invece niente è stato trovato rendendo difficile qualsiasi valutazione. Ieri la notizia, pubblicata da Il Gazzettino, che la Procura ha autorizzato il dissequestro delle auto intestate a Manuela Cacco e ai fratelli Sorgato. Assieme ad esse anche i coltelli di Debora Sorgato sono stati dissequestrati, secondo quanto riferito dal legale della donna.

 

 

isabella-noventa-omicidio-freddy-sorgato-4
Freddy Sorgato, Debora Sorgato e Manuela Cacco

I fratelli Sorgato e Manuela Cacco sono sotto indagine dalla Procura per le responsabilità ipotizzate nel caso Isabella Noventa e soprattutto per la sparizione del suo cadavere. Il dissequestro giunge perciò come un’ulteriore sconfitta considerando che la speranza era trovare tracce di Isabella Noventa proprio in una delle automobili precedentemente sequestrate. Invece nulla, così come niente si è trovato sui coltelli appartenenti a Debora Sorgato.

 

 

Il laghetto di Padova Est
Il laghetto di Padova Est

Cosa voglia dire tutto questo è purtroppo evidente: un altro buco nell’acqua dopo il mancato ritrovamento del corpo di Isabella Noventa nel laghetto artificiale di Padova Est e dopo che all’interno e attorno alla villa di Freddy Sorgato si è cercato in modo frenetico, ma senza alcun risultato. Gli inquirenti sono ancora ben lontani dal poter capire cosa sia accaduto a gennaio scorso, quando di Isabella Noventa si sono perse le tracce.




isabella noventaFreddy Sorgato aveva parlato di un gioco erotico finito male. Da lì nessuna confessione e nessuna specifica in grado di fornire un aiuto concreto alle indagini: solo tanto silenzio e ricerche a vuoto.

Considerando l’assenza di tracce di sangue non si può escludere che Isabella Novena possa essere morta altrove rispetto ai luoghi ipotizzati finora, così coma la criminologa Roberta Bruzzone ha affermato giorni fa esprimendosi nel merito; oppure si potrebbe aggiungere che non necessariamente la morte della donna sia avvenuta tramite l’utilizzo di un corpo contundente.

Se il delitto fosse avvenuto per strangolamento sarebbe normale non trovare sangue in casa di Freddy, ma a quel punto crollerebbe la presunta “confessione” di quest’ultimo che aveva parlato di un gioco erotico. I segni dello strangolamento ne costituirebbero una palese contraddizione: ecco allora perché Sorgato sta cercando di evitare che il cadavere venga rinvenuto?

 

isabella noventaUlteriore riflessione: se nel caso Isabella Noventa la morte è avvenuta per strangolamento, allora le affermazioni di Manuela Cacco avrebbero funto solo da depistaggio nell’attesa di ottenere qualche beneficio per la collaborazione ipoteticamente fornita? Interrogativi e ancora interrogativi che saranno oggetto del futuro processo che verrà istituito, con il rischio che quest’ultimo possa trasformarsi in una enorme arena mediatica, l’ennesima, a discapito della verità dei fatti che hanno portato alla fine di Isabella Noventa.

 

articolo di Giulio Bini

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram




Caso Isabella Noventa, dissequestrati auto e coltelli ultima modifica: 2016-07-29T18:48:33+00:00 da info@cronacaedossier.it

One thought on “Caso Isabella Noventa, dissequestrati auto e coltelli

  • 29 luglio 2016 at 19:08
    Permalink

    … e se come ipotizzato qualche settimana fa, se il corpo fosse stato consegnato ad una quarta persona e veramente i tre giannizzari, non sanno dove sia stato portato?
    Non è da credere ne ai Sorgato ne tantomeno alla Cacco. Associazione a dir poco criminale.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!