Brutale omicidio a Chiasso: assassini in fuga verso l’Italia

Emergono particolari medico-legali e l’indiscrezione che gli autori del brutale omicidio, forse padre e figlio, sarebbero in fuga verso l’Italia

brutaleIl brutale omicidio avvenuto a Chiasso venerdì scorso verso le 19:00 in un garage di Corso San Gottardo sarebbe ad un punto di svolta. La Polizia cantonale avrebbe individuato come responsabili due italiani (padre e figlio) che, a detta del Corriere del Ticino, sarebbero in fuga o già presenti in Patria. Non soltanto il nome della vittima, Angelo Falconi (imprenditore di 73 anni residente in Ticino, con un passato turbolento alle spalle e invischiato in una faccenda per truffa e appropriazione indebita) sarebbe ormai noto agli investigatori, ma vari dettagli pian piano cominciano quindi ad emergere, in particolare quelli medico-legali.

L’arma utilizzata dai due aggressori ancora non è nota agli inquirenti. Per sciogliere il nodo servirà osservare la natura delle ferite sul cadavere, definendo pertanto se soprattutto le lesioni craniche hanno forma lineare o depressa, così come nel gergo si usa per intendere fratture causate per esempio da un bastone o da un martello. In questa vicenda l’arma sembra rivestire tuttavia un significato secondario.
A rendere particolarmente brutale l’omicidio di Angelo Falconi è invece il viso orribilmente sfigurato e
l’accanimento degli aggressori nei suoi confronti, non solo causando multiple ferite alla testa ma anche lo sfondamento del cranio, di fatto considerato il motivo della morte dell’uomo. A questi dettagli si aggiunge però un ulteriore elemento macabro.

Secondo indiscrezioni, all’uomo sarebbe stato anche amputato un dito in modo brutale. brutaleLa ragione non è ancora nota agli inquirenti. Restano sul tavolo varie ipotesi per spiegare il gesto: dal “rituale” al tentativo di rubare un anello forse presente al dito tagliato e altrimenti difficile ma portare via; oppure alle possibili tracce di uno degli aggressori rimasti sulla parte incriminata o semplicemente come gesto di sfregio nei confronti della vittima.

Solo ipotesi sulle quali per ora la Polizia cantonale ancora non ha dato responso. Più certezze vi sarebbero invece sulla fuga degli assassini. La Polizia avrebbe individuato in due italiani i possibili assassini. Ma c’è di più. I due presunti assassini avrebbero avuto un’attività proprio a Chiasso, dunque il delitto potrebbe essere maturato per presunti affari con Angelo Falconi, forse per affitti arretrati non pagati, come fa sapere il quotidiano locale. Si attendono pertanto altre novità dall’indagine nelle prossime ore.

Redazione Cronaca&Dossier @CronacaDossier

Brutale omicidio a Chiasso: assassini in fuga verso l’Italia ultima modifica: 2015-11-30T14:10:38+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!