Brigate Rosse, scoperto covo al Policlinico dopo 40 anni

Recenti lavori all’ospedale milanese hanno portato alla scoperta di un covo segreto delle Brigate Rosse dopo ben quarant’anni

Erano i classici lavoro di ammodernamento e ristrutturazione quelli in corso al Policlinico, uno dei più importanti ospedali di Milano. Per questo nessuno degli operai pensava di dover interrompere i propri lavori a causa di una casuale scoperta: un covo segreto delle Brigate Rosse.




Flag_of_Brigate_RosseMentre gli operai erano al lavoro sul sottotetto è caduto da un’intercapedine un fascicolo con l’inconfondibile simbolo delle Brigate Rosse, la stella a cinque punte. I lavoratori hanno dovuto interrompere subito le operazioni e chiamare la direzione, che ha avvisato immediatamente le forze dell’ordine.




440px-Morucci_Fiore_Gallinari_Bonisoli_Brigate_RosseSecondo le indiscrezioni raccolte da Repubblica il covo sarebbe autentico, tanto che la Procura di Milano ha aperto un fascicolo d’inchiesta a modello 45, ovvero quello previsto quando non ci sono indagati né ipotesi di reato. L’inchiesta è guidata dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli, che è a capo del pool antiterrorismo, oltre ai carabinieri del Ros e del Nucleo Informativo.




Aldo_Moro_brSempre secondo Repubblica il documento di maggiore spicco rinvenuto nel covo sarebbe il tesserino di riconoscimento del deputato democristiano Massimo De Carolis, gambizzato dalle Brigate Rosse nel 1975. Grazie al ritrovamento è plausibile ipotizzare un coinvolgimento della brigata ospedaliera, il gruppo armato che pose fine alla vita del medico Luigi Marangoni. Quest’ultimo, divenuto il più giovane direttore sanitario italiano, aveva deciso di denunciare l’operato di alcuni infermieri presso la banca del sangue, finendo nel mirino delle Brigate Rosse dopo la “soffiata” di un’infermiera, condannata all’ergastolo e poi diventata collaboratrice di giustizia.

Marangoni, che rifiutò la scorta in quanto non voleva far rischiare la vita a uomini delle forze dell’ordine, venne raggiunto da un commando armato di quattro uomini il 17 febbraio 1981 mentre usciva di casa al voltante della sua auto. Oggi l’ala dei trapianti del Policlinico porta il suo nome.

 

articolo di Nicola Guarneri

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

Brigate Rosse, scoperto covo al Policlinico dopo 40 anni ultima modifica: 2016-07-11T11:14:48+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!