Bossetti: «La speranza era di essere capito per replica del DNA»

A una settimana dalla condanna all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio, Massimo Bossetti torna a parlare dal carcere di Bergamo

Non si è ancora rassegnato Massimo Bossetti, il muratore di Mapello ormai noto alla cronaca per essere l’assassino di Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate di Sopra trovata cadavere in un campo aperto a Chignolo d’Isola.




bossettiIl primo grado di giudizio è stato chiaro: Bossetti è l’assassino, la condanna è la più dura che si potesse immaginare. Ergastolo. Non solo: all’uomo è stata anche tolta la patria potestà genitoriale, «una mazzata» avrebbe detto il muratore.




massimo bossettiAttraverso un’intervista raccolta da Il Giorno arrivano alla stampa le prime parole di Massimo Bossetti a una settimana dalla sentenza: «La speranza era quella di essere capito per la replica del DNA, anche se comprendo l’accanimento nei miei confronti con tutto il clamore mediatico e i soldi spesi nelle indagini». Era la prova del DNA l’unica arma dell’accusa, giudicata più che sufficiente per la condanna.




Yara-Gambirasio1-744x445La sentenza è stata resa ancora più dura e il muratore non l’ha certo presa bene: «Quello che mi ha sconvolto è l’aggiunta all’ergastolo della perdita della patria potestà genitoriale. Una mazzata». Sempre secondo Il Giorno Bossetti avrebbe chiesto, in caso di libertà, di poter incontrare i genitori di Yara. Vista la condanna ha affidato ai propri legali una lettera per loro, scritta durante i 134 giorni di isolamento trascorsi tra il giorno dell’arresto, il 16 giugno di due anni fa, e il giorno del suo 44° compleanno, il 24 ottobre.

Tuttavia Bossetti non perde la speranza: «Ancora non credo alla condanna all’ergastolo. Non ho mai commesso nulla» ripete incredulo. «Combatterò fino alla fine per amore della mia famiglia, che mi è vicina».

 

articolo di Nicola Guarneri

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

Bossetti: «La speranza era di essere capito per replica del DNA» ultima modifica: 2016-07-07T17:17:32+00:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!