Bossetti, le immagini del furgone estratte in modo anomalo?

Nuova puntata nel delitto di Yara Gambirasio: secondo il consulente di parte le immagini del furgone di Massimo Bossetti sarebbero state estrapolate in “modo anomalo”




Yara GambirasioUn mistero nel mistero quello che sta succedendo nel caso di Yara Gambirasio, la ragazzina di tredici anni di Brembate di Sopra scomparsa il 26 novembre 2010 e ritrovata cadavere in un campo a Chignola d’Isola (vicino a Brembate) tre mesi dopo la scomparsa. Gli inquirenti hanno individuato in Massimo Bosseti il presunto colpevole: le telecamere di sicurezza di diversi luoghi adiacenti alla palestra della giovane ripresero il furgone di Bossetti ben 13 volte, per quella che se non può essere considerata una prova è comunque un indizio molto forte. Peccato che sia poi stato rivelato dallo stesso RIS che le immagini diffuse dai carabinieri vennero orchestrate “ad arte” per attenuare la pressione mediatica intorno al caso. Un mese fa (potete leggere l’articolo cliccando qui) sottolineavamo che comunque, in tutta la provincia di Bergamo, ci siano solo cinque furgoni come quello ripreso dalle telecamere. Prova quindi valida nonostante il brutto tiro del RIS e caso chiuso? Assolutamente no, almeno secondo Ezio Denti, criminologo investigativo e consulente della difesa.




massimo bossettiDenti ha mostrato oggi in aula come le immagini del furgone sarebbero state estratte in modo anomalo; in particolare sarebbero finite sotto la lente d’ingrandimento del consulente le immagini estrapolate dalle telecamere dell’azienda Olynt di Brembate di Sopra. L’estrazione e il trattamento delle immagini avrebbe violato alcune procedure basilari, peraltro ben conosciute dai carabinieri visto che sono presenti sul loro sito internet: a questo link potete leggere in dettaglio l’articolo “Le indagini video-fotografiche – Approccio tecnico e giuridico” (citato in aula dallo stesso Denti) in cui vengono spiegate dettagliatamente tutte le corrette procedure per l’estrazione delle immagini dai video di sorveglianza. Secondo il consulente non sarebbero stata applicate le regole per la corretta estrapolazione delle immagini, in particolare per quanto riguarda il numero di frame (fotogrammi) che varierebbe tra i diversi filmati, causando immagini a scatti: nel video dei carabinieri potrebbero quindi mancare immagini importanti per la ricostruzione degli eventi.

bossetti furgoneUn secondo particolare quantomeno importante evidenziato ancora da Denti è lo sfasamento degli orari riportati dalle immagini utilizzate dal RIS: il (a questo punto presunto) furgone di Bossetti è stato ripreso, oltre che dalle telecamere della già citata Olynt di Brembate, anche da quelle del distributore Shell di via Locatelli e da quelle dalla banca del Credito Cooperativo di Sorisole di via Rampinelli. Ebbene, le lancette degli orologi delle tre telecamere mostrerebbero dei vuoti temporali, rispettivamente di 10 minuti (per le prime due telecamere) e di 60 minuti (per la telecamera della banca). La conclusione del consulente è stata mostrare l’immagine di un furgone Daily Iveco come quello di Bossetti diverso solo per colore e cassetta degli attrezzi, evidenziando come i 13 punti definiti dal RIS come peculiari del mezzo di Bossetti sarebbero tutt’altro che tali e che l’immagine presa dai video di sorveglianza è «esclusivamente soggettiva e discutibile». Per una certa attendibilità si sarebbe dovuto far «transitare lo stesso mezzo, con le stesse condizioni, davanti alla stessa telecamera». Insomma, pare proprio che dopo la prima caduta di stile del RIS ora ci siano stati veri e propri errori procedurali che potrebbero portare addirittura all’assoluzione del muratore di Mapello. Eppure proprio i carabinieri raccomandano, sul loro sito, particolare attenzione nell’elaborazione delle immagini: «Le tecnologie e i modelli teorici per accedere a tale operazione sono ben consolidati, anche se non sempre utilizzati correttamente; tuttavia una loro analisi permette di studiare quali siano i principali rischi che si corrono e quali precauzioni debbano, invece, essere adottate per minimizzarli».

 

Redazione di Cronaca&Dossier

Seguici con un Mi Piace su Facebook e Twitter




Bossetti, le immagini del furgone estratte in modo anomalo? ultima modifica: 2016-01-08T16:26:51+00:00 da info@cronacaedossier.it

2 thoughts on “Bossetti, le immagini del furgone estratte in modo anomalo?

  • 25 giugno 2016 at 22:41
    Permalink

    jnfatti Denti a dimostrato che nemmeno quello che il colonello Lago dice che da una scala a 5 noi siamo arrivati all identificazione del furgone a 4 ??cioè , PROBABILE VISTO CHE NON ABBIAMO IL NUMERO DI TARGA NE IL MODELLO DEL FURGONE !!!!!!! COME ????? PROBABILE !!!!! AVEVATE DETTO X 15 MESI CHE IL FURGONE GIRAVA ATTORNO ( ALTRA COSA FALSA QUELLA SERA UNA STRADA ERA CHIUSA ATTORNO ALLA PALESTRA ) E ADESSO POI DENTI. DIMOSTRA CON MISURAZIONI CON STRUMENTI IDONEI CHE QUEL FURGONE NON è DI BOSSETTI PER UN SEMPLICE MOTIVO CHE è UN PASSO 3000 MENTRE QUELLO DI BOSSETTI è UN PASSO 3500 … MEZZO METRO + LUNGO ……COME LA METTIAMO ALLORA …… CON TUTTE LE VLTE CHE SI è VISTO SUI TELEGIORNALI ECCO L AVVOLTOIO —-MENTRE ADESSO SI SA CHE ERA TUTTO FALSO QUEI FILMATI PURE AMMESSO DAL COLONELLO LAGO CON IL PARERE FAVOREBOLE DELLA PROCURA DI BERGAMO ……. QUESTO BASTEREBBE A FAR FINIRE IL PROCESSO IN UNO STATO DI DIIRITTO COSA CHE QUI IN ITALIA NON ESISTE . MA DOPO DI QUESTO IL NULLA .. SOLO UN MEZZO DNA ANOMALO CONTAMINATO ALLELI CHE SPARISCONO .. OCCHI CHE DICONO MARRONI POI MIRACOLO DIVENTANO AZZURRI .. MA POI GLI INDIZZI GRANITICI ???????? IN FILA INDIANA SPARITI ……1 CALCE ..NON ERA CALCE 2 FIBBRE . CI SONO 150 MILA FURGONI CON LE STESSE CARATTERISTICHE ….LA PM A SOTTOLINEATO MA NO! SOLO QUALCHE MIGLIAIO !!!3 SFERE STESSO DISCORSO . INDIZZIO SPARITO 4 CELLE DIMOSTRATO CON I TABULATI DEGLI STESSI TECNICI DELL ACCUSA , CHE YARA ALLE 18 E55 ERA APPENA FUORI DELLA PALESTRA E MINUTI DOPO ERA SOTTO UN ALTRA CELLA VERSO NORD EST MENTRE BOSSETTI ERA IN ZONA DI CASA SUA E COMUNQUE IN ZONA SUD OVEST NELLO STESSO ORARIO …….NON POTEVA ESSERE INSIEME …… E Cè DI PIU LA PM DICE CHE YARA HO CHE SIA SALITA SPONTANEAMENTE HO CHE LUI BOSSETTI SIA SCESO DAL FURGONE E CON UN PUGNO LA STORDITA E CARICATA SUL FURGONE (MA TEMPO PRIMA AVEVA TOLTO IL REATO DI SEQUESTRO PERCHè SECONDO LEI YARA ERA SALITA SPONTANEAMRENTE SUL FURGONE??????QUESTA CAMBIA COME E QUANDO VUOLE…. 5 LASCIAMO STARE I TRE MESI DEL CAMPO PERCHè LI è ARRIVATA IL GIORNO PRIMA CHE LA RITROVARONO E COMUNQUE YARA ERA MORTA DA TUTTALTRA PARTE .6 COMPIUTER GLI STESSI DELL ACCUSA NON POSSONO DIRE CHE LA PAROLA TREDICENNI SIA STATA DIGITATA …..E DI CONSEGUENZA NON VALE NIENTE I PORNO SONO COSA NORMALE – SOLO FUMO E QUI MI FERMO I RESTO è SEMPRE è SOLO FUMO

    Reply
  • 26 ottobre 2016 at 22:16
    Permalink

    Denti è stato grande. Sono rimasto a bocca aperta come un investigatore di tale calibro possa aver messo in difficoltà la Procura di Bergamo. Tecnico e sintetico …è partito con la flemma e l’eleganza di un lord inglese per poi colpire ai fianchi con deduzioni, elementi tecnici e scientifici degni di un grande consulente. Senza mai scomporsi di fronte alle accuse di un Pmaniaco, ha continuato sfoggiando colpi uno dietro l’altro. Sentirlo parlare è stato divino, degno di un film poliziesco. Per non parlare poi di quei soggetti che cercavano di carpire dal suo PC informazioni e segreti. Basta pensare che all’udienza di Denti ho contato ben 17 poliziotti e funzionari di Ris e Ros.
    Ovviamente era il consulente più temuto e quindi il più attaccato ma tosto, determinato e con un Self control invidiabile, con dei nervi simili a corde di violino.
    Qualunque argomento trattato era degno di stupore così come la stessa Presidente è stata sempre attenta ad ogni parola, ad ogni sua espressione.
    Grande professionista…ad averne di uomini così!!@

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!