Bossetti, la corrispondenza con Gina entra nel processo

Le lettere  tra Massimo Bossetti e una detenuta nel carcere di Bergamo saranno analizzate dagli inquirenti e poi confrontate con le ricerche dei pc di casa

Massimo Bossetti
Massimo Bossetti

Nuovo colpo di scena nel caso Yara. Non solo il computer, gli effetti personali e il furgone, ma anche le lettere scambiate da Massimo Bossetti con una detenuta dell’istituto penitenziario di Bergamo, Gina, entreranno nel processo. Secondo gli inquirenti, infatti, il muratore accusato di aver assassinato Yara Gambirasio, tredicenne ginnasta di Brembate, alla fine del 2010, potrebbe aver rivelato nelle righe scritte a Gina alcune informazioni sull’accaduto e sui propri gusti sessuali.

Il pm Letizia Ruggeri ha così chiesto di acquisire le cinque lettere scambiate tra i due. L’istanza è stata accolta, ma i legali di Bossetti, Salvagni e Camporini, si sono opposti poiché ritenute «non contestualizzate».

Secondo gli inquirenti, all’interno della corrispondenza si parlerebbe delle preferenze sessuali di Bossetti, tanto che le missive hanno da subito attirato l’attenzione del pool investigativo: confrontandole con le ricerche in rete scovate nel computer di casa si potrebbero fare enormi passi avanti sulla ricostruzione del profilo di Bossetti in relazione all’omicidio di Yara. D’altro canto l’avvocato difensore Paolo Camporini  si affretta a replicare: «Si tratta di lettere sintomo di una situazione affettiva compromessa».

 

Yara Gambirasio
Yara Gambirasio

Continua così il legale del muratore di Mapello: «Ci troviamo nell’ambito di un rapporto tra adulti che non contiene alcun riferimento alle ricerche nei computer di casa, come al contrario sostiene l’accusa. Se serve per delineare la personalità dell’imputato, in quelle lettere vi è una ripetuta proclamazione di innocenza e di fiducia nei giudici. Vi sono anche parole riguardanti la vittima che, se non sincere, non avrebbero senso, dal momento che Massimo Bossetti stava intrattenendo una corrispondenza con una persona che non aveva mai conosciuto in precedenza».

La posta del principale imputato per l’assassinio di Yara recentemente non è più accuratamente analizzata, così come invece accadeva durante i primi mesi trascorsi all’interno del penitenziario, quando Bossetti occupava una cella singola. Le lettere vengono aperte davanti a lui, ma solamente per verificare che dentro la busta non ci sia qualcosa di pericoloso o proibito. Considerate queste misure restrittive, ad attirare l’attenzione degli inquirenti sarebbe stato infatti il nome del mittente: Gina, appunto. La scoperta è stata ritenuta tanto importante da inserire la corrispondenza nel procedimento.

 

libertàNel frattempo, continua il processo per scoprire la verità sulla scomparsa e successiva morte di Yara Gambirasio. Sotto accusa non è solo il DNA, ma anche le immagini del furgone che, secondo l’accusa, apparterrebbe proprio a Bossetti. La difesa del muratore, inoltre,  in questi giorni ha subito un duro colpo: le cinque perizie richieste dai legali sono state respinte dal giudice. Proprio Salvagni settimana scorsa aveva affermato: «Noi abbiamo chiesto cinque perizie, anche quella sull’allineamento delle telecamere per vedere quel famoso furgone. Io domani mi aspetto che ci sia una presa di coscienza che le zone d’oscurità sono maggiori rispetto alle certezze, quindi credo che sia impossibile non concedere delle perizie».

Luci e ombre che continuano a intersecarsi senza riuscire a dare un vero volto all’omicida di Yara. Che possano essere davvero le lettere scambiate tra Bossetti e Gina la chiave per risolvere il rompicapo?

 

articolo di Gianmarco Soldi

Segui Cronaca&Dossier con un Mi Piace su Facebook e Twitter, oppure unisciti al canale Telegram

Bossetti, la corrispondenza con Gina entra nel processo ultima modifica: 2016-04-26T17:28:23+00:00 da info@cronacaedossier.it

4 thoughts on “Bossetti, la corrispondenza con Gina entra nel processo

  • 27 aprile 2016 at 17:27
    Permalink

    ma lettere che ha inviato GINA alias letizia ruggeri (incontrario) sono state acquisite !?per capire se e’ stata la solita trappola che bossetti non ha fiutato

    Reply
  • 28 aprile 2016 at 14:55
    Permalink

    ma chi portava le lettere a bossetti ?visto che era da carcere a carcere
    bisogna ricordare che 1 anno fa a natale i carabinieri entrarono in cella di quello che poi testimonio’ cose tragicomiche contro bossetti E SONO TUTTE TRAPPOLE perche’ e’ un omicidio di stato coop rosse mapello come il forteto.Il tutto in un italia venduta al gruppo bildeberg che ha voluto la pedofilia nel paese IL GRUPPO BILDEBER CE’ DAPERTUTTO ANCHE IN AUSTRIA forse sono diversi non i politici asutriaci ma IL POPOLO AUSTRIACO che non fa vendere la loro terra con la polizia disponibile a venire in italia afare i controlli (ALFANO E’ UN ANIMALE). QUI LA POLIZIA SPACCIA LA DROGA come a sesto s.g. uccide i 18enni ,uva,cucchi ….dei criminali nella mani delle procure della p3

    Reply
  • 28 aprile 2016 at 15:53
    Permalink

    spero che gli abbiano fatto il mind control (lettura pensiero ) con tecnologie HAARP (e’ una scienza riconociuta e le neuroscienze sonoarrivati a queste tecnologie) .Dico questo perche’ se Bossetti ha fatto il pensiero impuro pensando a Gina ci vuole la sedia elettrica . Spero inoltre che sia visionato 24hal giorno con tecnologie GOOGLE EARTH REAL TIME E NSA anche dentro alla TOILETTE (hano queste tecnologie) perche’ se si e’ masturbato la questione e’ molto grave : servono torture .Bossetti e’ una CAVIA DELLA PROCURA DI BERGAMO E DELLO STATO ITALIANO come un topo di fogna

    Reply
  • 28 aprile 2016 at 16:04
    Permalink

    bossetti e’ un FARSA DI STATO lui ha un dna alieno senza parte mitocondriale e’ un dna come quello dei RETTILIANI e questo e’un indizio importante perche’ yara gambirasio e’ ricomparsa dopo tre mesi nel campo di chignolo !e non mi meraviglierei se dicono che sono stati i rettiliani a fare un rapimento UFO e BOSSETTI E’ UN VISITORS .ci sono studiosi che dicono che le forme di vita su marte sono simili a quella umana anche come dna per giudicare bossetti ci vuole un alieno come spak di star trek NON UNA TROIA COME LETIZIA RUGGERI

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!